Image

Il Museo Botero a Bogotà

Image

Il Museo Botero a Bogotà

Botero collezionista generoso

Al Museo Botero si trovano non solo opere del grande artista appena scomparso, ma anche una consistente donazione di parte della sua raccolta privata alla città di Bogotà

Image

Giorgio Guglielmino

Leggi i suoi articoli

Ho iniziato ad apprezzare Fernando Botero quando andai a Bogotà. In un bel pomeriggio di sole mi recai senza aspettative e senza preconcetti a visitare il Museo Botero nato da una grande donazione dell’artista ospitata in un prestigioso e ben mantenuto edificio coloniale messo a disposizione dalla municipalità. Immaginavo che avrei trovato decine e decine di opere dell’artista colombiano, magari non vicine alle mie preferenze artistiche ma delle quali non si può non ammirare l’ottima tecnica pittorica.

Con mia grande e piacevole sorpresa trovai non solo le opere di Botero (123 in totale) ma accanto a queste, in un’ala separata del museo, vidi una collezione di lavori moderni e contemporanei (85 opere) che farebbero invidia a molti musei anche europei. Si tratta della donazione di Botero alla città di Bogotà di parte della sua collezione privata...E che collezione! Il suo lascito potrebbe essere stimato tra 500 milioni e un miliardo di euro (credo più vicino al miliardo).

Si parte da Degas e Matisse, per poi passare a Picasso e a Braque sino ad arrivare ai contemporanei. Tra questi ultimi ricordo un Francis Bacon, un grande Miquel Barceló e uno splendido dipinto raffigurante un bosco di Alex Katz. Ciò che mi colpì, al di là dei nomi, era la qualità dei singoli lavori, segno di un occhio attentissimo del Botero collezionista. Mai un dipinto sbagliato o banale, mai un’opera tanto per aggiungere un nome importante, ma sempre scelte ponderate derivanti da un raffinato gusto personale.

Botero ha quindi lasciato alla città e ai suoi abitanti un museo di altissimo livello internazionale e credo che per questo, oltre che per le sue opere, vada ricordato e ammirato. Quanti altri artisti hanno dimostrato una simile sensibilità e generosità?

Ripensando ora alla mia visita alle sale del museo ricordo anche un’opera più piccola di dimensioni e realizzata su carta. Era proprio ciò che avrei scelto, nell’immaginaria possibilità di portare a casa uno di quei lavori. Non Chagall o Picasso, non Salvador Dalí, o Joan Miró, bensì uno dei più bei disegni di Balthus che io abbia mai visto.

Il Museo Botero a Bogotà

Giorgio Guglielmino, 16 settembre 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

La storica dell’arte e il curatore parlano delle loro aspettative prima della fiera svizzera: ci avviciniamo sempre più al mercato borsistico, non importa dove sei ubicato, gli incontri avvengono nelle fiere

L’inaspettato connubio tra statue greco-romane e immagini della Nasa nella mostra alla galleria Heckenhauer

L’edizione 2024 sancirà l’inizio di una crisi delle vendite o fornirà un segno di stabilità del mercato?

Nella città svizzera, che mira a risvegliare la cultura, anche Bsc-Basilea Social Club offre uno spazio di 12mila metri quadrati «in comune» per galleristi, artisti e curatori locali

Botero collezionista generoso | Giorgio Guglielmino

Botero collezionista generoso | Giorgio Guglielmino