Image

«Non mi piace pensare che il Padiglione 2024 divenga un nuovo Padiglione Tosatti, in cui un artista dispone dello spazio come vuole: è una visione unilaterale, mentre il progetto deve essere espressione di qualcosa di più complesso», dichiara Vittorio Sgarbi. Nella foto, un particolare dell’allestimento di «Storia della notte e destino delle comete», di Gian Maria Tosatti, Padiglione Italia 2022

Image

«Non mi piace pensare che il Padiglione 2024 divenga un nuovo Padiglione Tosatti, in cui un artista dispone dello spazio come vuole: è una visione unilaterale, mentre il progetto deve essere espressione di qualcosa di più complesso», dichiara Vittorio Sgarbi. Nella foto, un particolare dell’allestimento di «Storia della notte e destino delle comete», di Gian Maria Tosatti, Padiglione Italia 2022

Biennale di Venezia, «fuga in avanti» di Sgarbi: il Padiglione Italia a Cerizza e Bartolini

Ma mentre manca ancora la firma del ministro Sangiuliano, lo stesso sottosegretario alla Cultura punta il dito contro il criterio di selezione dei candidati, sulla base di progetti e motivazioni troppo scarni

Image

Arianna Antoniutti

Leggi i suoi articoli

Vittorio Sgarbi, in qualità di sottosegretario delegato per l’arte e per l’architettura contemporanea, e il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, hanno appena nominato Luca Cerizza curatore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia (manca ancora la firma del Ministro). Ma la scelta, che vedrà Massimo Bartolini a rappresentare l’Italia alla Biennale del 2024, non sembra soddisfare appieno lo stesso Vittorio Sgarbi.

Il meccanismo di selezione dei candidati, sulla base di progetti e motivazioni troppo scarni, secondo il sottosegretario non è sufficiente per una obiettiva valutazione del futuro Padiglione.

«Il Ministero deve vagliare fra una terna curatoriale, proposta da una commissione, che ha dapprima selezionato dieci su settanta, e poi tre su dieci candidati. Non avevamo dunque grandissimo margine di scelta. Ho visto il programma dei finalisti (oltre a Cerizza, Ilaria Gianni e Luca Lo Pinto), e con il Ministro abbiamo convenuto su Cerizza, che ci è sembrato il migliore dei tre. Ciò detto però, è come se avessimo scelto un curatore alla cieca, squarcio abbastanza inquietante sul sistema con cui si arruolano i curatori dei Padiglioni. Il programma vincitore è poco chiaro, la motivazione parla di un incontro dell’altro, di invito all’ascolto.... Tutte e le tre motivazioni finaliste fornite dalla commissione erano sostanzialmente  incomprensibili.
Sono preoccupato che il Padiglione possa essere ostaggio di una visione intellettualistica, per questo ho detto che non mancheremo di seguire il curatore, proponendo poi un ulteriore segmento legato al fumetto. Il fine è ricercare una varietà di offerta più ampia di quella proposta da Cerizza. In questo senso il direttore generale che abbiamo appena nominato, Angelo Piero Cappello, farà sì che quella del curatore non sia un’unica voce in Biennale».

Un singolo artista non è per lei una scelta corretta? A prescindere da quanto vedremo a Venezia, è il meccanismo stesso di selezione che andrebbe rivisto? 
«Ritengo che il bando di selezione, che fissa a tre il limite degli artisti per il Padiglione, sia un errore. Non mi piace pensare che il Padiglione 2024 divenga un nuovo Padiglione Tosatti, in cui un artista dispone dello spazio come vuole: è una visione unilaterale, mentre il progetto deve essere espressione di qualcosa di più complesso».

Leggi anche: Luca Cerizza è il curatore del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2024
 

«Non mi piace pensare che il Padiglione 2024 divenga un nuovo Padiglione Tosatti, in cui un artista dispone dello spazio come vuole: è una visione unilaterale, mentre il progetto deve essere espressione di qualcosa di più complesso», dichiara Vittorio Sgarbi. Nella foto, un particolare dell’allestimento di «Storia della notte e destino delle comete», di Gian Maria Tosatti, Padiglione Italia 2022

Arianna Antoniutti, 03 ottobre 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Il museo romano ha colto l’occasione della parziale chiusura della Pinacoteca per intervenire su tre grandi tele (di Domenichino, Ortolano e Lanfranco) difficilmente trasportabili

Completamente rinnovato il percorso espositivo del Museo Ostiense, riaperto dopo lunghi e complessi lavori grazie a un finanziamento di oltre 3 milioni di euro

Sono già 406 i musei statali aderenti. Ideata dal Ministero della Cultura, consente anche l’acquisto online del biglietto. Una «piccola rivoluzione», secondo Massimo Osanna, il direttore generale Musei che la coordina. Intanto è record per i musei italiani: oltre 57 milioni di visitatori nel 2023

Adele Cecchini presenta una disamina completa dei sepolcri, dalla loro scoperta fino agli studi scientifici più recenti, delineando allo stesso tempo le moderne metodologie di conservazione e restauro

Biennale di Venezia, «fuga in avanti» di Sgarbi: il Padiglione Italia a Cerizza e Bartolini | Arianna Antoniutti

Biennale di Venezia, «fuga in avanti» di Sgarbi: il Padiglione Italia a Cerizza e Bartolini | Arianna Antoniutti