Kiki Smith, «Now», 2006. Courtesy dell’artista e Galleria Raffaella Cortese, Milano

Image

Kiki Smith, «Now», 2006. Courtesy dell’artista e Galleria Raffaella Cortese, Milano

Attenti al lupo

E ora Kiki Smith, che cosa accade «Now»?

Image

Giorgio Guglielmino

Leggi i suoi articoli

«Attenti al lupo» cantava quasi trent’anni fa Lucio Dalla. Ma il lupo dell’artista Kiki Smith non fa paura, anzi viene voglia di accarezzarlo mentre ci guarda intensamente negli occhi.

Di quest’opera (fortunato chi l’ha acquistata), vista nella galleria di Raffaella Cortese a Milano, quello che mi ha colpito è stato anche il titolo «Now», adesso. Perché rende atemporale il disegno, lo slega da qualunque rappresentazione figurativa e ci dice che non stiamo guardando né la rappresentazione di qualcosa che l’artista ha visto o immaginato chissà quando, né un’idea fantastica di futuro immediato o solo sognato.

Siamo in contatto non con una rappresentazione ma con una realtà. L’opera d’arte quindi assume personalità e lo sguardo attento del lupo è lo sguardo dell’arte che entra in contatto con noi, un po’ come in un gioco di sguardi tra osservatore e opera così caro a un artista pur molto lontano da Kiki Smith come Giulio Paolini. Anche in questo bellissimo lavoro di Kiki Smith opera d’arte e osservatore sono sullo stesso piano, si guardano in attesa che qualcosa accada.

Come se avessimo incontrato un lupo durante una passeggiata in un bosco e ci trovassimo a dover pensare in pochi secondi: «Che cosa accadrà ora?». Perché tutto questo sta accadendo adesso, nel presente. E né noi né il lupo sappiamo che cosa accadrà tra qualche momento.

Kiki Smith, «Now», 2006. Courtesy dell’artista e Galleria Raffaella Cortese, Milano

Giorgio Guglielmino, 13 agosto 2018 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Giorgio Guglielmino, diplomatico e collezionista di arte contemporanea, riflette sulla 60ma edizione della Biennale di Venezia

L’edizione 2024 della fiera rileva una precisa tendenza: gli asiatici comprano solo artisti della loro area geografica o solo selezionatissimi nomi occidentali

Due mostre da Hauser & Wirth e due in importanti musei europei celebrano nel 2024 la schiva artista americana

L’artista torinese è celebrato in una mostra per niente retorica, che mette in luce il suo lato più intimo e ludico. C’è anche la ricostruzione di una parete del suo studio a Trastevere

Attenti al lupo | Giorgio Guglielmino

Attenti al lupo | Giorgio Guglielmino