Lisa Ongpin Perique, direttrice Art Fair Philippines

Image

Lisa Ongpin Perique, direttrice Art Fair Philippines

Art Fair Philippines: non solo Art Basel e Frieze

La rassegna di Manila guarda con interesse alle megafiere per imparare dai «grandi» i trucchi del mestiere

Image

Giorgio Guglielmino

Leggi i suoi articoli

In un nostro recente articolo si segnalava che attualmente vi sono più di 300 fiere d’arte in tutto il mondo. Art Fair Philippines, che fa parte di questo copioso gruppo, sta cercando di distinguersi e di far emergere le proprie peculiarità. Fondata nel 2013, la fiera, che è aperta dal 16 al 18 febbraio nella capitale del Paese del Sud-est asiatico, vuole rispecchiare e sostenere la vivace scena artistica locale. La sua direttrice, Lisa Ongpin Periquet, interpellata da «Il Giornale dell’Arte», ne svela caratteristiche e punti di forza.

Qual è la strategia di Art Fair Philippines per differenziarsi dagli altri? 
Scegliere di organizzare una fiera d’arte contemporanea in un parcheggio è stata la decisione curatoriale più significativa che io e le mie socie abbiamo preso quando abbiamo fondato Art Fair Philippines nel 2013. Ha inviato un messaggio che comunicava qualcosa di inaspettato, urbano, tagliente, grintoso, inventivo e audace. Tutti questi aggettivi potrebbero plausibilmente applicarsi all’arte contemporanea stessa. Abbiamo sempre mantenuto la massima attenzione nel portare il meglio dell’arte moderna e contemporanea filippina al più vasto pubblico possibile, a livello nazionale e internazionale. La sede insolita che abbiamo scelto si adattava all’arte che intendevamo mettere in risalto e viceversa. Oggi, dopo 10 anni, Art Fair Philippines rimane la fiera d’arte più grande e più frequentata del paese e si è guadagnata la reputazione di fiera d’arte regionale apprezzata nel Sud-est asiatico.

Come vi relazionate con le principali fiere asiatiche come Art Basel Hong Kong o Frieze Seoul?
È positivo per noi, da parte di una fiera d’arte regionale più piccola, visitare le principali fiere d’arte come esercizio di benchmarking e networking. Offre anche l’opportunità di studiare le tendenze artistiche, i mercati particolari serviti da queste grandi fiere e pensare a come l’arte filippina potrebbe inserirsi o, d’altro canto, a come l’arte di queste regioni potrebbe attrarre il mercato filippino. È sempre istruttivo e stimolante vedere che cosa succede al di fuori del proprio ambiente abituale.

Avete molti collezionisti stranieri in visita alla fiera? Da quali Paesi?
Sì, abbiamo un certo numero di visitatori stranieri, spesso collezionisti e istituzioni della Regione: Singapore, Indonesia, Hong Kong ecc. Abbiamo anche un buon numero di gallerie straniere che partecipano alla fiera e attirano i loro clienti. Quest’anno, ad esempio, abbiamo quasi il 25% di partecipazione di gallerie provenienti da paesi come Giappone, Malesia, Vietnam, Taiwan, Corea e Spagna.

Pensate che l’attenzione della scena artistica si stia spostando verso l’Asia?
In questa parte del mondo si sta creando molta nuova ricchezza e la crescita del mercato dell’arte segue naturalmente il denaro. Quando un mercato dell’arte è in crescita e attivo, gli artisti e la creatività prosperano e tutto ciò si aggiunge a una scena artistica vibrante. La creazione di nuove fiere d’arte in Asia, a Singapore (Art SG), Taipei (Taipei Dangdai), Giappone (Tokyo Gendai) e Corea (Frieze Seoul) è la prova di questa fiducia in mercati attivi e più ampi nella Regione con margini di crescita.

Qualche novità nell’edizione che aprirà a metà febbraio?
Uno dei tratti distintivi di Art Fair Philippines è il suo aspetto di sviluppo poiché ogni anno esploriamo nuovi punti focali con la nostra sezione Projects. Ad esempio, in passato, abbiamo inserito la fotografia nel panorama dell’arte contemporanea, l’arte sonora, l’arte digitale, compresi gli Nft, e così via. Nel 2024, per Projects, presentiamo per la prima volta tre artisti stranieri: un artista multimediale americano, Mr StarCity; un performer artist spagnolo, Eugenio Ampudia, e una giovane artista rumena, Andreea Medar, che lavora con materiali come fili luminosi ricamati su plastica. Presenteremo anche una mostra di opere di artiste filippine che si sono concentrate sull’astrazione in un momento molto emozionante della nostra storia dell’arte moderna, negli anni ’70 e ’80.
 

Giorgio Guglielmino, 14 febbraio 2024 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Giorgio Guglielmino, diplomatico e collezionista di arte contemporanea, riflette sulla 60ma edizione della Biennale di Venezia

L’edizione 2024 della fiera rileva una precisa tendenza: gli asiatici comprano solo artisti della loro area geografica o solo selezionatissimi nomi occidentali

Due mostre da Hauser & Wirth e due in importanti musei europei celebrano nel 2024 la schiva artista americana

L’artista torinese è celebrato in una mostra per niente retorica, che mette in luce il suo lato più intimo e ludico. C’è anche la ricostruzione di una parete del suo studio a Trastevere

Art Fair Philippines: non solo Art Basel e Frieze | Giorgio Guglielmino

Art Fair Philippines: non solo Art Basel e Frieze | Giorgio Guglielmino