Image
Image

Anticipazione Innocenti

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

A conclusione di un percorso avviato nel 2010 con la firma dell’accordo di programma tra Stato e Regione Toscana e proseguito attraverso la continua collaborazione tra Istituto degli Innocenti e Regione Toscana, supportati da molte istituzioni culturali tra cui le Soprintendenze, l’Opificio delle Pietre Dure e le Università, apre il 23 giugno, dopo tre anni di lavori, il nuovo Museo degli Innocenti.

Un progetto complessivo di 12,8 milioni di euro (7,2 milioni dal finanziamento regionale, il resto da risorse dell’ente), che comprende anche la progettazione architettonica e dell’allestimento affidata a un gruppo di architetti guidati da Ipostudio, vincitori di un concorso internazionale bandito nel 2008 dall’Istituto stesso.

1.456 mq di percorso espositivo, disposto su tre livelli e 1.655 mq per eventi temporanei e attività educative. Oltre al patrimonio dell’Istituto (conservato dal 1419, anno della fondazione dello Spedale), vi saranno laboratori artistici per bambini e famiglie, mostre temporanee, un punto accoglienza per residenti e turisti, convegni e attività di formazione, oltre ai servizi aggiuntivi con bookshop per bambini e ragazzi, e la caffetteria.

L’attenzione all’infanzia è proprio la vocazione dell’Istituto e l’intento del presidente Alessandra Maggi è «raccontare in modo nuovo la storia dell’Istituzione e la vita quotidiana dei bambini e delle donne che qui sono vissuti», collegandola anche alla vita presente.

L’itinerario che parte dal seminterrato racconta l’evoluzione degli Innocenti e dell’assistenza all’infanzia, dalla fondazione dell’ente fino a oggi. Nel cortile un percorso architettonico illustrerà la storia della Fabbrica, mentre nella galleria di facciata saranno esposte le opere di maggior rilievo, circa 80, tra cui i capolavori di Luca e Andrea della Robbia, Botticelli, Ghirlandaio, Piero di Cosimo.

Laura Lombardi, 04 gennaio 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

Anticipazione Innocenti | Laura Lombardi

Anticipazione Innocenti | Laura Lombardi