Image

I dati sulle vendite private di Sotheby’s affermano che l’arte contemporanea rappresenta la quota maggiore delle vendite private dell’azienda. Illustrazione Katherine Hardy

Image

I dati sulle vendite private di Sotheby’s affermano che l’arte contemporanea rappresenta la quota maggiore delle vendite private dell’azienda. Illustrazione Katherine Hardy

Trattative sottobanco per l’ultracontemporaneo nelle case d’asta

L’accorciamento dei cicli del mercato dell’arte e la politica del «flipping» inducono i collezionisti a condurre gli affari lontano dall’occhio pubblico

Image

Georgina Adam

Leggi i suoi articoli

Recentemente, mi ha colpita un dato emerso dal rapporto di Sotheby’s, Peak Performance, redatto da ArtTactic, che ha registrato le vendite superiori a 1 milione di dollari nel periodo dal 2018 al 2022. Il report, che utilizza informazioni interne all’azienda e provenienti dai dati relativi alle trattative private di Sotheby’s, afferma che l’arte contemporanea rappresenta la quota maggiore delle vendite private dell’azienda, quasi il 60%!

Mi sarei aspettata che l’arte impressionista e moderna rappresentasse la fetta più significativa e, anche se ricopre poco più della metà delle vendite per valore nella categoria superiore a 1 milione di dollari, secondo quanto affermato da David Schrader, responsabile globale delle vendite private dell’azienda, «il numero di transazioni è molto più alto nel campo dell’arte contemporanea e questo è un mercato molto più attivo, motivo per cui il volume è maggiore». Per la cronaca, il suo dipartimento fattura ogni anno tra 1 e 1,5 miliardi di dollari.

È stato interessante scoprire che la riduzione dei cicli del mercato dell’arte è alla base di questa tendenza. Ancora Schrader: «I cicli si stanno comprimendo e il mercato per alcuni artisti può cambiare tra sei mesi. I venditori potrebbero non voler aspettare un’asta adatta, potrebbero voler vendere immediatamente».

Non potrebbe esserci indicazione più chiara di quanto possa essere volatile questo mercato, in particolare per le opere d’arte del 21esimo secolo o «ultra-contemporanee». I proprietari potrebbero voler cogliere i loro profitti finché sono in tempo e alla luce dell’attuale clima di incertezza economica, il mercato sta diventando più avverso al rischio. Stiamo assistendo a una corsa verso la sicurezza che porta i collezionisti verso opere d’arte contemporanee perché più consolidate sul mercato.

Le vendite private nella categoria contemporanea presentano un ulteriore vantaggio: i venditori potrebbero voler evitare l’accusa di «flipping», una pratica condannata dalle gallerie e che potrebbe portare all’inserimento nella black list. Lontano dai riflettori dell’asta pubblica, una trattativa privata cela il passaggio di mano dell’opera.

Inoltre, la galleria da cui è stata acquistata un’opera potrebbe non rivolerla indietro: avendo nuove opere dell’artista da vendere e avendo la possibilità di ottenere il 50% del prezzo di vendita (mentre riprendendo l’opera per rivenderla la commissione sarebbe molto minore), una vendita privata potrebbe essere l’unica soluzione.

Curiosa di sapere se il suo dipartimento sia «saturo» per alcuni artisti, ho chiesto a Schrader se rifiutasse delle opere e, diplomaticamente, mi ha risposto che a volte può «indirizzare un’opera verso una galleria».

E poi c’è l’eterno problema del grande divario tra le aspettative del venditore e il prezzo che Sotheby’s pensa che l’opera possa raggiungere. «A nessuno piace mai sentirsi dire che un’opera valga meno di quanto si pensi, ha detto Schrader, ma conclude: dare consigli onesti è una buona decisione commerciale nel lungo periodo».

I dati sulle vendite private di Sotheby’s affermano che l’arte contemporanea rappresenta la quota maggiore delle vendite private dell’azienda. Illustrazione Katherine Hardy

Georgina Adam, 11 aprile 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Dalla fine delle agevolazioni fiscali sui redditi all'estero alle nuove leggi antiriciclaggio, gli esperti dicono che cosa aspettarsi dal nuovo scenario politico

L’inaugurazione di San Giacomo di Paludo è prevista per l’anno prossimo, ma i visitatori della Biennale possono assistere a una performance di Eun-Me Ahn

Dopo la pubblicazione degli andamenti annuali, le case d’asta leader del settore hanno dichiarato come i beni di lusso siano sempre di più un settore in forte espansione, specialmente fra i giovani

Artex, l’ultima di una serie di nuove iniziative, offre quote di un trittico di Francis Bacon a soli 100 dollari, ma è un buon investimento?

Trattative sottobanco per l’ultracontemporaneo nelle case d’asta | Georgina Adam

Trattative sottobanco per l’ultracontemporaneo nelle case d’asta | Georgina Adam