Image

Il banditore Henry Highley vende la tela «Untitled (ELMAR)» di Jean-Michel Basquiat del 1982 durante la vendita serale di arte moderna e contemporanea della casa d’aste a New York

Cortesia di Phillips

Image

Il banditore Henry Highley vende la tela «Untitled (ELMAR)» di Jean-Michel Basquiat del 1982 durante la vendita serale di arte moderna e contemporanea della casa d’aste a New York

Cortesia di Phillips

L’asta serale di Phillips a New York raggiunge i 72,3 milioni di dollari, grazie a due nuovi dipinti di Basquiat

Il totale della vendita è stato inferiore alla stima, ma ha rappresentato un aumento del 24% rispetto all’asta equivalente del 2023

Carlie Porterfield

Leggi i suoi articoli

Phillips ha venduto 72,3 milioni di dollari di opere d’arte (86,2 milioni di dollari diritti inclusi) durante la vendita serale di arte moderna e contemporanea della casa d’aste a New York martedì sera (14 maggio). Il totale della vendita è stato inferiore alle stime della casa d’aste che prevedevano una cifra compresa tra i 75,9 e i 110,3 milioni di dollari. Questa forbice non comprendeva nemmeno le stime per due opere che sono state ritirate prima dell'inizio dell’asta: «Sunset Sea» di Milton Avery, che aveva una stima di 1 milione-1,5 milioni di dollari, e «Buste de femme au chapeau» di Pablo Picasso, che era il secondo lotto più prezioso della vendita, con una stima tra i 12 e i 18 milioni di dollari. «Abbiamo concordato con il mittente che era meglio non metterlo in vendita», ha dichiarato Robert Manley, vicepresidente e co-responsabile mondiale dell’arte moderna e contemporanea di Phillips, a proposito del Picasso ritirato. «Abbiamo avuto interesse per l’opera fin da quando l’abbiamo annunciata, ma non siamo riusciti a trovare un interesse che ci facesse sentire a nostro agio nel proporla (all’asta). Sospetto che lo venderemo dopo l’asta newyorkese». Nonostante i ritiri dell'ultimo minuto, la vendita è iniziata bene con «Untitled (Boy with Glasses)» (2010) di Noah Davis, venduto per 220mila dollari (279.400 dollari con le spese) a fronte di una stima compresa tra 150mila e 200mila dollari, seguito da «Numbers» (2018) di Derek Fordjour, venduto a un offerente online in Grecia per 700mila dollari (889.000 dollari con le spese). Anche il terzo lotto, l’enorme tela colorata «Freedom don’t come for free» (2021) di Michaela Yearwood-Dan, ha suscitato forti offerte e alla fine ha raggiunto la stima massima di 300mila dollari. Con i diritti, il prezzo è stato di 381mila dollari. Uno dei pezzi forti della vendita è stato «Vendetta» (1979) di Barkley L. Hendricks, un esempio di uno dei suoi primi ritratti di un seduttore nero vestito di bianco su uno sfondo bianco. «Vendetta» è stato venduto per 2,6 milioni di dollari (3,2 milioni di dollari diritti inclusi) contro una stima di 2,5-3,5 milioni di dollari; secondo Phillips, l’opera era garantita da terzi.

I lotti più preziosi della vendita sono stati due dipinti di Jean-Michel Basquiat precedentemente appartenuti a Francesco Pellizzi, il defunto antropologo italiano. Il dipinto «Untitled (ELMAR)», risalente all’anno più ricercato di Basquiat, il 1982, è stato venduto per 40,2 milioni di dollari (46,4 milioni di dollari diritti inclusi) a un offerente telefonico dopo tre minuti di rilanci. Con una stima compresa tra i 40 e i 60 milioni di dollari, questa era la più alta di qualsiasi altro lotto in offerta durante le aste di New York di questa stagione. Il lotto successivo, «Untitled (Portrait of a Famous Ballplayer)» (1981), è stato venduto a un prezzo di aggiudicazione pari alla stima bassa di 6,5 milioni di dollari; con i diritti, il prezzo è stato di 7,8 milioni dollari. Secondo Phillips, nel dipinto Basquiat ha esplorato i riferimenti al baseball e l’identità e l’inclusione dei neri nella cultura americana. Phillips venderà un terzo dipinto di Basquiat della collezione Pellizzi a Hong Kong il 31 maggio. «Native Carrying Some Guns, Bibles, Amorites on Safari» (1982) ha una stima tra i 12 e i 18 milioni di dollari. Jean-Paul Engelen, presidente di Phillips America, ha dichiarato prima della vendita di martedì che hanno deciso di vendere una delle tele in Asia per «dividere» i risultati per la famiglia Pellizzi, notando che il mercato asiatico è particolarmente entusiasta di Basquiat. Quando nel 2022 il miliardario giapponese Yusaku Maezawa ha venduto da Phillips un dipinto senza titolo del 1982 di Basquiat, questo è stato venduto per 85 milioni di dollari, diritti inclusi, a un offerente in Asia. (Maezawa ha anche stabilito il record d’asta per un’opera di Basquiat nel 2017, quando ha acquistato da Sotheby’s una tela del 1982 senza titolo per 110,5 milioni di dollari, con i diritti). Basquiat detiene anche il record di artista occidentale di maggior valore ceduto all’asta in Asia, dopo che il suo «Warrior» (1982) è stato venduto per 280 milioni di Dollari di Hong Kong (323,6 milioni di dollari di Hong Kong/41,7 milioni di dollari con le tasse) da Christie’s Hong Kong nel 2021. Pellizzi ha acquistato i tre dipinti da Annina Nosei, la prima gallerista di Basquiat. Secondo Engelen, ha acquistato «Untitled (ELMAR)» per 14mila dollari, «Untitled (Portrait of a Famous Ballplayer)» per 12mila dollari e «Native Carrying Some Guns, Bibles, Amorites on Safari» per 6mila dollari, rispettivamente.

 

 

 



 

 

«Freedom don't come for free» (2021) di Michaela Yearwood-Dan. Cortesia di Phillips

Profondità della domanda

Una delle guerre d’asta più prolungate della vendita è scoppiata per «Acres» (1959) di Helen Frankenthaler, che alla fine ha superato la stima massima di 2,5 milioni di dollari per essere venduto a 3 milioni di dollari (3,6 milioni di dollari, diritti inclusi). Due sculture «a pila» senza titolo di Donald Judd del 1978 e del 1994 sono state vendute rispettivamente per 4,9 milioni di dollari (5,9 milioni di dollari, diritti inclusi) e 2,2 milioni di dollari (2,7 milioni di dollari, diritti inclusi): tutti e tre i lotti erano coperti da garanzie di terzi. L’enorme tela di Frank Stella del 1974, «Lettre sur les sourds et muets II», è stata stimata tra i 5 e i 7 milioni di dollari. Le opere del canonico artista astratto, scomparso all'inizio del mese all’età di 87 anni, dovrebbero essere vendute oltre le loro stime in questa stagione, hanno dichiarato gli specialisti delle case d’asta alla vigilia delle vendite di primavera, seguendo una tendenza familiare nel mercato dell'arte, nota come «effetto morte». Nella sala d’asta di Phillips si sono sentiti dei boati quando «Lettre sur les sourds et muets II» non è stata venduta dopo che le offerte si sono bloccate a 3,8 milioni di dollari. In tutto quattro lotti non sono stati venduti. Oltre a Stella, i lotti passati di mano erano il trio di dipinti semicircolari di Robert Mangold del 1968 (stima 600mila-900mila dollari), un nudo del 1924 di Pierre Bonnard (stima 600mila-800mila dollari) e «The Lovers 2» (2015) di María Berrío (stima 250mila-350mila dollari). Tuttavia, dopo la chiusura delle offerte per la tela a tecnica mista di Berrío, Phillips «ha ricevuto molteplici offerte da parte di soggetti interessati e un accordo è stato concluso con il venditore poco dopo la conclusione della vendita», secondo un portavoce della casa d’aste. Alla fine l’opera è stata aggiudicata per 216.535 dollari (274.999 dollari con le tasse), ha dichiarato il portavoce. Nonostante alcuni dipinti siano stati venduti al di sotto delle stime o non siano stati venduti affatto, i dipendenti di Phillips si sono detti ottimisti sull’esito della vendita e sullo stato generale del settore artistico.

«Untitled (ELMAR)» (1982) di Jean-Michel Basquiat. Cortesia di Phillips

«Non credo che si tratti di un mercato poco brillante», ha dichiarato Manley al suono delle bottiglie di champagne che scoppiettavano subito dopo la vendita. Ha sottolineato che molti dei prezzi raggiunti martedì sera per opere di Frankenthaler e Jules Olitski rappresentano alcuni dei migliori risultati d’asta dell'artista, anche se i lotti non hanno battuto record. Manley ha aggiunto di essere particolarmente soddisfatto dei buoni risultati ottenuti dalle opere di artisti più giovani, dato che il mercato dell’arte ultracontemporanea sembra essersi raffreddato rispetto al periodo di massimo splendore del 2021. «C'è stata la sensazione che forse il mercato fosse un po' meno spumeggiante», ha detto Manley. «Sono stato molto contento che (le opere di) Derek Fordjour e Jadé Fadojutimi abbiano avuto offerte molto alte. Ma sono anche felice che non si sia impazziti». «The Pour» (2022) di Fadojutimi è stato venduto per 850mila dollari (1 milione di dollari diritti inclusi), più del doppio della stima minima di 400mila dollari. Phillips ha stabilito un nuovo record d’asta per Kent Monkman, artista canadese di etnia Cree, quando il suo dipinto «The Storm» (2020) è stato venduto per 300mila dollari (381mila dollari diritti inclusi). Anche se i prezzi di aggiudicazione sono rimasti appena al di sotto delle stime di Phillips, il totale di 86,2 milioni di dollari, diritti compresi, rappresenta un aumento del 24% rispetto alla vendita equivalente del maggio 2023, «quindi siamo molto soddisfatti, ha dichiarato Amanda Lo Iacono, vice direttore generale di Phillip. Oltre l’80% dei lotti non era mai stato messo all’asta prima d’ora», ha aggiunto Lo Iacono. «Ci si aspetta che ci vantiamo del nostro prezzo più alto perché è quello che la gente si aspetta», ha detto Manley. «Ma io sono solo felice che abbiamo avuto alcuni di questi oggetti incredibili che sono davvero rari e difficili da ottenere». Subito dopo la vendita, molti di coloro che si trovavano nel salone di Park Avenue di Phillips si sono precipitati a pochi isolati a sud-ovest per la vendita in due parti della collezione de la Cruz e per l'asta di arte del XXI secolo di Christie's, che è andata avanti nonostante la casa d’aste sia ancora alle prese con gli effetti di un grave attacco informatico che ha messo fuori uso il suo sito web. Le vendite di spicco della settimana continueranno si sono concluse giovedì sera (16 maggio, Ndr) con l’asta equivalente di Christie’s.

 

«Untitled (Portrait of a Famous Ballplayer)» (1981) di Basquiat. Cortesia di Phillips

Carlie Porterfield, 17 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Ha una stima di 18 milioni di dollari un’enorme tela realizzata «a quattro mani» dai due artisti

Jeffrey Gibson, il primo artista indigeno ad avere una mostra personale nel Padiglione statunitense, mescola motivi nativi americani con materiali moderni per indagare questioni di identità e storia

Durante la vendita serale, 27 lotti hanno fruttato 10,9 milioni di sterline, senza diritti, ma tre opere sono state ritirate e altre tre non sono state vendute

La fiera, fondata nel 2012, è uno dei più grandi eventi satellite della Miami Art Week e in precedenza ha avuto una seconda edizione a San Francisco

L’asta serale di Phillips a New York raggiunge i 72,3 milioni di dollari, grazie a due nuovi dipinti di Basquiat | Carlie Porterfield

L’asta serale di Phillips a New York raggiunge i 72,3 milioni di dollari, grazie a due nuovi dipinti di Basquiat | Carlie Porterfield