Image

Natale di Greccio (fine XIV secolo), Pistoia, Chiesa di San Francesco, Aula capitolare

Image

Natale di Greccio (fine XIV secolo), Pistoia, Chiesa di San Francesco, Aula capitolare

Il presepe ma senza Bambino, Maria e Giuseppe

Una nuova edizione del volume di Chiara Frugoni in cui la grande medievista ricostruiva storia e ragioni della revisione del francescano Natale di Greccio

Virtus Zallot

Leggi i suoi articoli

Nel Natale di ottocento anni fa, a Greccio, san Francesco chiese di condurre accanto a una greppia vuota (quindi senza la statuetta del piccolo Gesù) soltanto un bue e un asino, simboli dei pagani e degli ebrei. Ai fratelli e agli abitanti che giunsero festosi rivolse parole così coinvolgenti e dolci da risvegliare in loro il vivido ricordo del Bambino di Betlemme, tanto che uno degli astanti ebbe la sensazione di vederlo in braccio al santo. Mentre la cristianità promuoveva e praticava lo scontro, Francesco propose l’incontro, mostrando che Gesù era nato per tutti e dimostrando come, per incontrarlo, non fosse necessario recarsi fisicamente in Palestina, ma cercarlo nel cuore.

La forza dirompente del suo Natale fu in seguito stemperata, trasformando il racconto di Greccio nel resoconto di una innocua rievocazione; al santo fu tolta la parola, rendendolo attore muto. Il volume di Chiara Frugoni (che il Mulino oggi propone arricchendo la precedente edizione stampata da Mauvais Livres nel 2020 con un denso repertorio fotografico) non solo ristabilisce la verità, ma ricostruisce storia e ragioni della sua revisione, accompagnandoci (come consuetudine della grande medievista scomparsa nel 2022) a consultare, leggere e confrontare testimonianze iconografiche e scritte.

Ne emerge, rinforzata, la figura di un grande santo per nulla melenso, come purtroppo spesso è presentato e rappresentato oggi, oltre alla consapevolezza che il presepe di Greccio non fu affatto il primo vivente e tantomeno il modello del presepe, come vi capiterà di leggere e sentire anche in prossimità di questo Natale. Quel presepe senza Bambino, Maria e Giuseppe, rumoroso di voci e sentimenti e privo di travestimenti, fu qualcosa di diverso: un meno e un di più il cui messaggio di pace può illuminare anche il presente, come quello di Francesco fece al tempo di scontri e conflitti.

Natale di Greccio (fine XIV secolo), Pistoia, Chiesa di San Francesco, Aula capitolare

Il presepe di san Francesco. Storia del Natale di Greccio, di Chiara Frugoni, 270 pp., ill., il Mulino, Bologna 2023, € 38

Virtus Zallot, 09 dicembre 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Emanuela Fogliadini accompagna il lettore nell’interpretazione delle immagini dei mosaici decorativi della Chiesa di Chora a Istanbul

Indagandone retorica e messa in scena, Herbert L. Kessler restituisce ai manufatti di alta epoca la forza persuasiva che all’osservatore attuale altrimenti sfuggirebbe

Dalle mode al valore simbolico, una storia articolata di questa preziosa concrezione dal XIV al XVII secolo in un volume edito da Il Mulino

La storia della storia dei magi è complessa e affascinante, strettamente legata alla loro raffigurazione

Il presepe ma senza Bambino, Maria e Giuseppe | Virtus Zallot

Il presepe ma senza Bambino, Maria e Giuseppe | Virtus Zallot