Image

Un buon esempio di allestimento: quello della mostra «Foam Talent 2024-2025» presso il museo Foam di Amsterdam visitabile fino al 22 maggio

© Foam. Foto di Christian van der Kooy

Image

Un buon esempio di allestimento: quello della mostra «Foam Talent 2024-2025» presso il museo Foam di Amsterdam visitabile fino al 22 maggio

© Foam. Foto di Christian van der Kooy

Allestire una mostra di fotografia non è così facile

Se è vero che ci sono infinite possibilità, c’è comunque un modo «giusto» di trattare le fotografie: come oggetti di valore

Rica Cerbarano

Leggi i suoi articoli

C’è una cartella sul desktop del mio computer che si intitola «allestimenti: non fare». È una raccolta delle «worst-practices» che mi capita di vedere mentre visito mostre fotografiche, in Italia come altrove. Non semplici imperfezioni, ma vere e proprie negligenze allestitive che impattano negativamente sulla fruizione delle opere. Come sappiamo, l’immagine fotografica si materializza nel mondo in molteplici forme, che variano a seconda del supporto su cui è stampata, delle dimensioni e della cura con cui viene allestita. Eppure, c’è ancora una grande incomprensione tra gli organizzatori di mostre: la convinzione che esporre fotografie sia più «facile» rispetto ad altre arti

Recentemente ho visitato una rassegna in un luogo in cui in passato si erano tenute esposizioni di qualità, curate e allestite in modo eccellente: il Magazzino delle Idee di Trieste. Ho trovato sconcertante l’incuria dell’ultimo allestimento: cornici appese fuori bolla, cartelli di segnaletica abbandonati a terra, didascalie in equilibrio precario. Disattenzioni che non rendono giustizia né al lavoro degli artisti esposti né a quello del curatore. 

Eppure sono tanti i casi simili. Succede spesso nei piccoli festival di fotografia, dove i budget ridotti e la versatilità dello staff lasciano troppo spazio all’improvvisazione, ma inaspettatamente anche nelle grandi istituzioni, le quali a volte rischiano di scivolare nel baratro della monotonia, sia dal punto di vista curatoriale che espositivo. È importante rendersi conto che non è solo l’immagine in sé (la qualità della stampa o la potenza del soggetto) a determinare il livello della mostra, ma anche tutto ciò che vi sta attorno. 

Una cosa però va detta: non c’è un modo «giusto» di allestire un lavoro fotografico, ci sono infinite possibilità (ed è proprio questa una delle bellezze della fotografia: la sua flessibilità). Sicuramente però c’è comunque un modo «giusto» di trattare le fotografie: come oggetti di valore. Non sempre economico, è vero (come accade per le «exhibition copies» smaltite a fine evento). Tuttavia, è sbagliato pensare che allestire una mostra fotografica sia poco costoso e quindi conveniente rispetto, per esempio, alla pittura o all’arte contemporanea. Ricordiamo che dietro ogni fotografia appesa al muro c’è il lavoro di più persone (del fotografo, del curatore, dello stampatore, del corniciaio, degli allestitori, dei project manager) e che su ogni opera si sofferma lo sguardo dello spettatore, la sensibilità di un pubblico più attento e preparato di quanto a volte si creda, che tra l’altro spesso ha pagato un biglietto per entrare. Tutto questo costituisce il valore di una fotografia appesa alle pareti di uno spazio espositivo e dev’essere rispettato. 

Rica Cerbarano, 29 aprile 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

La manifestazione, alla sua seconda edizione, riflette sul tema «Terra Madre» attraverso 11 mostre e una commissione speciale a Lisa Sorgini sulle madri del quartiere di Tamburi

In un libro di La nave di Teseo il critico ripercorre la portata rivoluzionaria di un libro «collettivo» di quarant’anni fa («Viaggio in Italia»), ideato dal grande fotografo emiliano e che coinvolgeva, oltre allo stesso Ghirri, Barbieri, Basilico, Chiaramonte, Cresci, Guidi e Jodice, un progetto unico nella storia della fotografia

Cresce anche in Italia la presenza delle fotografe nei giornali, nei festival e nelle gallerie private, ma nelle istituzioni scarseggiano ancora artiste e dirigenti donne, penalizzate anche nelle valutazioni

L’artista spezzino racconta l’evoluzione del suo approccio artistico, partendo dalla sua ultima mostra, ora in corso a Torino, e in vista della sua prossima personale, in programma a settembre a Milano nella galleria Francesca Minini    

Allestire una mostra di fotografia non è così facile | Rica Cerbarano

Allestire una mostra di fotografia non è così facile | Rica Cerbarano