Unico soggetto: Spilimbergo

Mariella Rossi |  | SPILIMBERGO (PN)

Anche Dorfles e Vedova nella nuova Quadreria

Dopo la retrospettiva terminata lo scorso aprile sull’artista Tono Zancanaro, «padrone di casa» cui è intitolata la Quadreria d’Arte Moderna e Contemporanea di Spilimbergo, la programmazione del nuovo museo inaugurato nel giugno 2015 prosegue con l’allestimento a rotazione delle opere della collezione (prossimo appuntamento fino al 22 agosto). La raccolta della Quadreria è al centro di un lavoro di catalogazione, a partire da quegli artisti di cui sono conservati corpus cospicui di opere, come Gillo Dorfles ed Emilio Vedova.

«Il nostro obiettivo è di mostrare le opere, condividerle e metterle a disposizione del pubblico, spiega l’artista Cesare Serafino responsabile del museo, precisando che, le duecento opere della collezione, tutte dedicate alla città di Spilimbergo, sono state raccolte con un progetto iniziato nel 1973 dallo storico Gruppo Giovani Artisti
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Mariella Rossi