Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Una polemica tra colossi a Luxor

Restauro dall’esito incerto per una delle statue colossali del tempio

Il portico di Amenofi III a Luxor. Foto: Jose Antonio

Luxor (Egitto). Nel tentativo di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sul proprio patrimonio culturale, l’Egitto continua a spettacolarizzare eventi di carattere archeologico in tutto il Paese. In questo contesto rientra anche la cerimonia, tenutasi al Tempio di Luxor il 18 aprile scorso, durante la quale è stato rivelato il risultato del restauro compiuto sull’ultimo dei colossi (quello all’estremità orientale) che decorano la facciata del santuario.

Grande è stata la sorpresa quando, caduto il telo che la ricopriva, è comparsa una statua in posizione «osiriaca» (corpo mummiforme e braccia conserte) del tutto diversa dalle altre tre che sono invece in posizione incedente (gamba sinistra avanzata e braccia allungate lungo i fianchi). L’evidente discrepanza ha scatenato una polemica che, a distanza di quasi un mese, non sembra destinata a concludersi.

Da una parte ci sono coloro che considerano il restauro frutto di un errore e di colossale incompetenza; dall’altra il Ministero delle Antichità che si è espresso a più riprese sulla correttezza dei lavori. A infiammare la polemica è stata una scena della decorazione dello stesso Tempio di Luxor che mostra i figli di Ramesse II (inizio XIII secolo a.C.), autore dei lavori di ampliamento del santuario, che si dirigono verso la facciata dell’edificio. Secondo il rilievo i colossi dovrebbero essere sei: due seduti e quattro incedenti.

Basandosi su questa immagine, alcuni archeologi egiziani, da anni critici sull’operato del Ministero delle Antichità, hanno affermato che sia stato preso un colosso che in origine si trovava in un’altra parte del tempio e si sia eretto davanti alla facciata per completarla.

Non sono mancati gli interventi da parte di egittologi stranieri che si sono schierati a favore della decisione presa dal Ministero delle Antichità. Tra questi vi è Ray Johnson, direttore della missione epigrafica dell’Università di Chicago a Luxor che, insieme all’ambasciata americana al Cairo ha finanziato le operazioni di ricostruzione del colosso: «I pezzi recuperati indicano che la statua era in posizione ‘osiriaca’ e la sua base, ancora in situ, era troppo piccola per accogliere una scultura incedente. Ritengo perciò che la ricostruzione e la sua posizione originale siano corrette al 100%».

Questa testimonianza ha gettato acqua sul fuoco delle polemiche che però non accennano a placarsi sulla base del fatto che il restauro non è stato eseguito con la dovuta accuratezza. In effetti il gomito destro del colosso è più basso del sinistro e le gambe risultano troppo lunghe. In una recente intervista alla rivista online «Al Masrawy», il ministro delle Antichità Khaled El-Anany si è giustificato asserendo che il lavoro di restauro deve essere completato e che la cerimonia del 18 aprile intendeva soltanto marcare la fine della prima fase dei lavori.

Francesco Tiradritti, da Il Giornale dell'Arte numero 398, giugno 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012