Un polittico del ’400 scoperto a Dolcedo

Le tre tavole inedite attribuite a Tommaso Biazacci da Busca usate come assi per un armadio della sagrestia

Una delle tre tavole ritrovate a Dolcedo (particolare)
Emmanuele Bo |  | Dolcedo (Im)

Rimaste celate per diversi secoli fino al loro ritrovamento nell’autunno del 2017, erano state riutilizzate come copertura del seicentesco armadio della sagrestia della Chiesa di San Giovanni Battista di Ripalta nel piccolo comune alle porte di Imperia. Le tre tavole inedite attribuite a Tommaso Biazacci da Busca sono state scoperte dal parroco don Carmelo Licciardello che, arrampicandosi sull’armadio, ha notato dei brani di colore sulle tavole di copertura del mobile.

Pochi giorni dopo ha contattato la Soprintendenza innescando l’iter che ha portato al loro riconoscimento e recupero. Alfonso Sista, funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona, ricostruisce: «Dopo la rimozione delle tavole ci si è resi conto del loro valore storico artistico. Sono mutile in quanto resecate da un originario
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Emmanuele Bo