ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Un Angelico pioniere

Al Prado il contributo del frate pittore agli esordi del Rinascimento fiorentino

«L’Annunciazione» di Fra Angelico (1425/1428-1432) prima del restauro, Madrid, Museo Nacional del Prado. © Museo Nacional del Prado

Madrid. Al Museo del Prado di Madrid, per le celebrazioni dei 200 anni del museo, si apre il 28 maggio (fino al 15 settembre) la mostra «Fra Angelico e la nascita del Rinascimento fiorentino», a cura di Carl Brandon Strehlke, curator emeritus del Philadelphia Museum of Art.

Come spiega Strehlke, «la mostra si articola in due punti focali. Il primo è il ruolo giocato dal domenicano Angelico negli esordi del Rinascimento fiorentino fra 1420 e 1430 che lo videro, nonostante la sua condizione di religioso, parte attiva e trainante della compagine umanistica di pittori quali Masaccio, Masolino, Paolo Uccello e Filippo Lippi (altro frate, carmelitano, e come Angelico allievo di Masaccio), gli scultori Ghiberti, Donatello e Nanni di Banco e l’architetto Brunelleschi. Opera cardine dell’indagine è la tavola dell’“Annunciazione” realizzata per il convento domenicano di Fiesole nei primi anni ’30 del Quattrocento e restaurata per la mostra. L’importanza dell’“Annunciazione” di Angelico sta nella composizione ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Giovanni Pellinghelli del Monticello, da Il Giornale dell'Arte numero 397, maggio 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012