Sosialismo reale

Achille Bonito Oliva: «Il sosialismo reale, spettro ubiquo che passeggia per il mondo»

Il «sosia» di un'opera d'arte
Achille Bonito Oliva |

Uno spettro ubiquo passeggia per il mondo: il sosialismo reale, fantomatico imprenditore di una Transavanguardia, senza aggettivi. L’imitazione trascina con sé, è inevitabile, parodia e alla fine un lampante Kitsch, bisogno di sovraccaricare vistosamente la forma senza pensieri.

Il mercato funziona con la stessa efficienza e neutralità impassibile dell’auditel, assicurando all’artista attenzione e visibilità con il semplice assorbimento del suo lavoro.

Questa è la fatale degenerazione dell’arte? Incontrollabile e non punibile. All’origine un vecchio equivoco, quello tra creazione e creatività, vedi il pareggiamento demagogico efficacemente promosso e applaudito da ogni verso de L’immaginazione al potere, 1968.

Questa demagogia è il frutto di un consenso che la cultura ha chiesto alla politica. Al mito del collettivo, nei casi migliori, l’arte ha risposto con la solitudine della creazione e non della creatività.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Achille Bonito Oliva