Sono io il valore aggiunto della Bellezza. Firmato Lo Bello

Stefano Luppi |  | Roma

L’economia della cultura e della creatività in Italia continua a essere un settore trainante, importante anche dal punto di vista lavorativo, come attesta l’ultimo rapporto Symbola «Io sono cultura 2016. L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi» presentato da Unioncamere, presieduta da Ivan Lo Bello, e dalla Fondazione per le Qualità Italiane, presieduta da Ermete Realacci.

Il documento, confezionato da 40 collaboratori, spiega attraverso numeri e grafici che il sistema culturale del Bel Paese è vicino ai 90 miliardi di euro e presenta un indice di moltiplicazione pari a 1,8 volte, coinvolge 1,5 milioni di persone (il 6,1% della forza lavoro) in circa 400mila imprese che contribuiscono al 17% del Pil.

Considerando l’intera «soft economy», l’economia basata sulla conoscenza e sull’innovazione che dalla cultura traggono linfa creativa e competitività si arriva alla cifra
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi