Scoperta una nuova necropoli a Giza

Per il Ministro delle Antichità «I ritrovamenti mostrano la vera immagine dell’Egitto»

Le pareti dell'anticamera della mastaba di Khuy
Francesco Tiradritti |  | Il Cairo

Annunciando il rinvenimento di una nuova necropoli a Giza, il ministro delle Antichità Khaled El-Anany ha affermato che «i più recenti ritrovamenti hanno un valore scientifico, ma sono importanti anche per la promozione dell’Egitto poiché mostrano al mondo intero la vera immagine del Paese e del suo potenziale».

A sud-est della piana di Giza sono state riportate alla luce una serie di tombe dell’Antico Regno. Le più importanti appartengono a Pehuenkai e Nwi, due sacerdoti addetti al culto postumo del sovrano Chefren, vissuti nella II metà della V dinastia (XXV-XXIV secolo a.C.). I sepolcri erano stati riutilizzati in epoca successiva e al loro interno sono stati ritrovati sarcofagi dipinti e altri oggetti di corredo funerario databili al VII secolo a.C. A Saqqara è stata invece annunciata la scoperta della mastaba del dignitario Khuy, di epoca di poco posteriore alle precedenti.

Degna di nota è
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesco Tiradritti