Roma, Augusto Gentili ricorda la direttrice del museo di Amatrice

Floriana Svizzeretto diresse e plasmò il Museo Civico Cola Filotesio. È morta nel terremoto del 24 agosto. Un incontro con l'Icom sulla storica dell'arte e chi lavora alla tutela. La sorella Stefania ricorda la passione della studiosa

Il Museo Civico Cola Filotesio di Amatrice
Stefano Miliani |

RomaFloriana Svizzeretto ha diretto per dodici anni il Museo Civico Cola Filotesio di Amatrice, dal 2003 al 2014, dopo averlo tirato su dal nulla ed è rimasta legata alla raccolta e al paese reatino fino al 24 agosto scorso. Quella notte il terremoto l'ha sepolta nella sua casa. Esempio lampante di quei tanti funzionari che mettono l'intelligenza, e l'anima, nelle cure dell'arte, nel reputarla un bene pubblico per tutti, che vivono lontano dalla ribalta, la storica dell'arte nata a Narni 59 anni fa non è stata dimenticata. 

Mercoledì 23 novembre, alle 16, la ricorda un incontro nell'aula magna all'Accademia di Belle arti a Roma, in piazza Ferro di cavallo 3, in cui Augusto Gentili tiene la conferenza «Carpaccio in bottega» in ricordo della ex allieva e di tutte le vittime di Amatrice. Hanno invitato il docente i familiari e gli amici che hanno organizzato l'appuntamento insieme all'Icom
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Floriana Svizzeretto Il Museo Civico Cola Filotesio di Amatrice Il Museo Civico Cola Filotesio di Amatrice dopo il sisma del 24 agosto scorso
Altri articoli di Stefano Miliani