Qui i giovani emergenti trovano casa

La VII edizione di SetUp s’ispira a Itaca, con 25 gallerie. Ciascuna ha al massimo tre artisti

«Santa Dolores» di Sandra Krasker, 2018 e Simona Gavioli © Massimiliano Capo
Mariella Rossi |

Si svolge dal 31 gennaio al 3 febbraio nel Palazzo Pallavicini la VII edizione di SetUp Contemporary Art Fair, la fiera nata nel 2013, dedicata alla scena emergente. Il tema scelto per il 2019 è «Itaca», l’isola di Ulisse, il primo grande viaggiatore del mondo occidentale, punto di partenza e di approdo, simbolo del distacco e della separazione in un mare che unisce e divide portando la mente al tema dei migranti e dell’integrazione.

«SetUp da sette anni è l’isola che attrae i marinai dell’arte per costruire insieme la memoria del futuro, per immaginare il mondo che sarà, una casa in cui tutti siamo a casa», spiega Simona Gavioli, cofondatrice e direttrice della fiera, convinta che «in un periodo storico in cui la tendenza è chiudere le frontiere, l’arte non può esimersi dal dare segnali chiari: l’apertura non può che portare un plusvalore».

Partendo da questi spunti e con lo scopo di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Mariella Rossi