GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Quella polvere di grandezza depositata a Chatsworth

La mostra organizzata da Sotheby's a New York con uno straordinario dispendio di mezzi

Due tamburi del reggimento inglese (forse fatti risuonare nella battaglia di Waterloo) in esposizione da Sotheby's a New York

New York. Che cosa cerca un collezionista quando vuole possedere un’opera d’arte? Molte cose insieme, ovviamente, non ultimo un briciolo di nobiltà: quella polvere di grandezza che si è depositata sul manufatto quando era custodito nella country house dei Cavendish a Chatsworth, per esempio.

Il 13 settembre si è chiusa, da Sotheby’s New York, la mostra intitolata «Treasures from Chatsworth» (con opere non in vendita) e quella parallela «Inspirated by Chatsworth. A Selling Exhibition» (dove tutto era in vendita). L’idea non è particolarmente originale ma è stata realizzata con uno straordinario dispendio di mezzi, segno che ai piani alti della casa d’aste inglese si aspettano dei risultati concreti, anche in tempi lunghi.

Faccio un solo esempio. Tra qualche anno chi si ricorderà più l’esatto confine tra l’esposizione della collezione vera, inalienabile, e di quella finta, messa in vendita? Passerà l’idea, strisciante, che i duchi del Devonshire sono stati clienti di Sotheby’s: quale migliore pubblicità per attirare altri collezionisti di sangue blu?

Ma veniamo ai fatti.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Simone Facchinetti, da Il Giornale dell'Arte numero 400, settembre 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012