Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Quante storie agli Uffizi

12 capolavori del museo vengono narrati in percorsi in più lingue: italiano, inglese, oltre che alternativamente in arabo, persiano, mandarino, francese e spagnolo

Turisti stranieri in visita agli Uffizi

Firenze. Agli Uffizi hanno costruito «Fabbriche di storie». Di che cosa si tratta? Dodici dipinti del museo, da Gentile da Fabriano a Luca Signorelli passando per la «Sant’Anna Metterza» di Masaccio e Masolino e tre Botticelli tra cui la «Primavera», vengono narrati in percorsi in più lingue: italiano, inglese, oltre che alternativamente in arabo, persiano, mandarino, francese e spagnolo. Il progetto è curato da Simona Bodo e Maria Grazia Panigada con il dipartimento «Uffizi accessibili».

Nove cittadini di origine straniera residenti in Italia e quattro operatori museali hanno scritto i testi connettendo ogni dipinto a esperienze personali e temi come l’amicizia, il viaggio, la famiglia, la preghiera. Attrici e attori (tra cui Laura Curino, Lella Costa, Ottavia Piccolo, Marco Paolini e Marco Baliani) interpretano, a titolo gratuito, una storia che si può ascoltare sia in versione sintetica sia integrale (www.uffizi.it/visite-speciali/fabbrichedistorie) con le immagini e i testi.

«È un progetto di mediazione culturale e accessibilità voluto dal direttore Eike Schmidt, che dimostra coraggio, lungimiranza e che fonde due progetti realizzati alla Pinacoteca di Brera, puntualizza Simona Bodo. Più che per immigrati è un programma di innovazione per tutti, dai ragazzi delle superiori agli anziani fino ai turisti stranieri», spiega.

Stefano Miliani, da Il Giornale dell'Arte numero 399, agosto 2019



GDA410 SETTEMBRE 2020

GDA410 Vernisage

GDA410 GDEconomia

GDA410 GDMostre

GDA410 Vedere a Milano

GDA410 Vedere a Venezia

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012