Quando Cristo scese dagli altari

Laura Lombardi |

Dalla metà dell’Ottocento l’arte sacra scende dagli altari per entrare nei Salons e nelle esposizioni. Un fenomeno al quale è dedicata la mostra «Bellezza divina», a cura di Lucia Mannini, Anna Mazzanti, Ludovica Sebregondi e Carlo Sisi, aperta a Palazzo Strozzi dal 24 settembre al 24 gennaio (catalogo Marsilio). Grazie al rigore del taglio critico e all’attenta selezione di opere, con alcuni capolavori noti e altri quasi sconosciuti al grande pubblico, si documenta, attraverso lo sviluppo di quel genere, il dibattito che anima per quasi un secolo l’arte tra Purismo, Realismo, Estetismo, Arcaismo e Primitivismo, riflesso della temperie culturale di un momento assai complesso della vita europea.

Vi sono alcuni importanti prestiti dall’estero come l’«Angelus» di Millet (opera concepita negli anni del Realismo ma che sarà molto cara ai pittori simbolisti), la «Pietà» di Van Gogh, la «Crocifissione bianca» di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Laura Lombardi