Processione in barca

Francesco Tiradritti |  | Abu Erteila

Quella compiuta dalla missione congiunta italo-russa che lavora sul sito di Abu Erteila è stata definita dalla Corporazione Nazionale per le Antichità e i Musei del Sudan (Ncam) una delle più importanti scoperte dell’archeologia nubiana degli ultimi dieci anni.
La campagna conclusasi nel dicembre scorso era dedicata agli scavi del santuario del tempio di epoca meroitica (civiltà sviluppatasi in Sudan tra il IV secolo a.C. e il IV d.C.).

Tra i numerosi e interessanti oggetti dell’arredo sacro riportati alla luce c’è un supporto in basalto sul quale veniva poggiata la barca utilizzata per portare la statua di culto in processione. Ogni faccia del monumento reca incise la figura di una divinità e due colonne di iscrizioni in geroglifico meroitico.

Nonostante i testi siano ancora in una fase di studio preliminare sono stati già identificati i cartigli con i nomi reali che vi compaiono. Si riferiscono al
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesco Tiradritti