Oratorio di alta epoca

Stefano Luppi |  | Bologna

L’appuntamento d’autunno alla galleria Antichità all’Oratorio è, dall’8 al 18 ottobre, con «Collectio», esposizione dedicata a 16 opere in gran parte inedite comprese tra il VI e il XVI secolo. L’allestimento, curato da Francesca Gualandi, comprende una fibula altomedievale, ornata con vivaci paste vitree, e un rarissimo bruciaprofumi in rame a forma di uccello stilizzato, impreziosito da smalti champlevé nei toni del rosso e del blu. Il percorso prosegue con una lettera miniata assegnata ai modi del Maestro del Messale di Deruta (fine XIII secolo) e a due dipinti di metà Trecento: un piccolo fondo oro di gusto fiorentino e una Madonna con Bambino della scuola di Colonia. 

La galleria ha poi riunito una croce gotica di Limoges ornata con gemme colorate coeve e una ulteriore di inizio Quattrocento realizzata in lamina d’argento dorato e placchette niellate con smalti blu. Si prosegue con
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi