Non solo moda

Una mostra sulla figura di Bob Krieger a Palazzo Morando

A sinistra, «Collezione Giorgio Armani. Anni ’80». A destra, «Gucci». Per entrambe, © Bob Krieger
Ada Masoero |  | Milano

Dall’8 marzo al 30 giugno Palazzo Morando apre i suoi spazi alla mostra «Bob Krieger Imagine. Living through fashion and music ’60 ’70 ’80 ’90», curata da Maria Grazia Vernuccio.

Da un lavoro di «scavo» nell’archivio privato di Krieger, compiuto in occasione della mostra, sono emersi lavori inediti, documenti delle sue campagne per i più celebri stilisti italiani degli anni tra i ’60 e i ’90, da Armani, Ferré, Missoni, Trussardi, Valentino fino a Versace, Biagiotti, Curiel, Dolce&Gabbana, Fendi, Gucci: una sfilata scintillante del Gotha dello stile italiano di quei decenni, ma anche una testimonianza del nascere e del crescere della fortuna mondiale del Made in Italy, raggiunta prima dalla moda, poi dal design e infine dal cibo, con la creatività che contraddistingue la nostra cultura e le nostre imprese.

Krieger (italiano, nato nel 1936) ha vissuto da protagonista quei decenni, attento
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)