Nel granaio una Crocefissione

Durante i lavori in un'area parcheggio di Matera sono state trovate tracce del XVI-XVII secolo

Un particolare della Crocefissione, XVI-XVII secolo
Fiorella Fiore |  | Matera

Durante i lavori di riqualificazione di un’area parcheggio, nella zona di Porta Pistola sono state scoperte tracce di un nuovo edificio, con fosse granarie, murature di contenimento e la presenza di una Crocefissione e scene della Passione ipoteticamente datate al XVI-XVII secolo. Lo scavo, diretto sul campo dall’archeologa Isabella Marchetta, è stato prescritto dalla Soprintendenza a seguito delle prime risultanze durante la sorveglianza archeologica.

«L’archeologia preventiva è obbligatoria nei centri storici, anche se a rimuoversi sono solo pochi centimetri. Chi la discute, soprattutto in questi ultimi tempi nelle sedi di governo, ha la risposta più chiara nel caso di Porta Pistola. Che per fortuna non è unico», spiega Isabella Marchetta.

Quanto ai dettagli del ritrovamento: «Gli ambienti venuti in luce, con tutto il sistema di utilizzo dell’area, dalle fosse granarie, alle cisterne, al basolato storico, concorrono a dimostrare l’unica vera e oggettiva sostanza della ricerca: l’importanza delle tracce, anche quelle apparentemente meno rilevanti. L’edificio sotterrato con il ciclo di pitture murarie individua ambienti forse connessi al Convento delle Sante Agata e Lucia oppure alla Chiesa di Sant’Eustachio de’ Posterga. È presto per dirlo», conclude l’archeologa.

L’area era stata interessata da interventi di riqualificazione negli anni Trenta, con l’abbattimento di edifici per la costruzione dell’attuale via Madonna delle Virtù per congiungere il Sasso Barisano con il Sasso Caveoso.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Fiorella Fiore
Altri articoli in ARCHEOLOGIA