Mofokeng e Blumenfeld al Foam di Amsterdam

Due retrospettive nel museo fotografico della capitale olandese

Una delle foto scattate da Santu Mofokeng nei treni dei pendolari
Chiara Coronelli |  | Amsterdam

Dopo quasi mezzo secolo di apartheid, il 27 aprile del 1994 si svolgono in Sudafrica le prime elezioni a suffragio universale, che portano alla presidenza Nelson Mandela. In occasione del 25mo anniversario della nascita della Rainbow Nation, il Foam presenta dal 15 febbraio al 28 aprile «Santu Mofokeng. Stories», ampia retrospettiva dedicata al fotografo sudafricano che con il suo lavoro ha fornito un ritratto del proprio Paese a cavallo della rivoluzione democratica.

Nato nel 1956 a Johannesburg e cresciuto nella miseria e nella violenza politica di Soweto, dopo gli esordi come street photographer, dal 1981 passa attraverso varie redazioni per poi entrare nell’agenzia Afrapix, un collettivo attivista, e pubblicare servizi sul settimanale antiapartheid «New Nation». Nel 1988 diventa fotografo ricercatore all’African Studies Institute e lascia il fotogiornalismo dando il via a una ricerca sulle
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Chiara Coronelli