ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Mika facile

Gli «Easy pieces» della Rottenberg alla sua prima personale negli Usa

Un particolare di «Spaghetti Blockchain» (2019) di Mika Rottenberg

New York. «La satira, ha scritto Michail Bachtin, è espressione dell’esigenza dell’uomo d’oscillare tra il sacro e il profano». E, si sa, dai tempi della Batracomiomachia e delle commedie greche scaturite dal genio di Aristofane, è lo strumento privilegiato da scrittori, poeti e artisti per criticare e mettere in discussione i potenti. All’interno di questa nobile e antica tradizione concepisce le sue opere l’artista argentina/israeliana Mika Rottenberg (1976, Buenos Aires) che predilige il video e l’installazione per realizzare la sua versione di satira del mondo contemporaneo.

«La storia viene scritta da chi sa raccontare le cose nel modo migliore, [...] sostanzialmente quindi da una parte, da grandi artisti e, dall’altra, da persone orribili...», ha detto la Rottenberg, che ha cominciato come pittrice e ha poi trovato, in particolare nel video e nell’installazione, il linguaggio artistico preferito, catturata dalle possibilità narrative che questi media potevano prometterle.

La Rottenberg ha esposto al MAMbo di Bologna quest’anno (cfr.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Viviana Bucarelli, da Il Giornale dell'Arte numero 399, agosto 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012