Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Le provocazioni di Kai Althoff

Alla Whitechapel Gallery la prima antologica britannica di un virtuoso semiautodidatta

«Untitled», 2011, di Kai Althoff. ©  Yair Oelbaum

Fine anni Novanta: urina su una serie di tele prima di metterle sul mercato. 2001: trasforma la galleria Buchholz in un club omoerotico per giovani cristiani. 2012: espone a documenta una lettera in cui spiega perché non partecipa.

Kai Althoff (Colonia, 1966) è un provocatore e virtuoso semiautodidatta che produce dipinti, sculture e installazioni mescolando folklore tedesco ed Espressionismo pittorico, con una estetica vivida e squillante che fa l’occhiolino a James Ensor e Gustav Klimt.

Dal 7 ottobre al 10 gennaio la Whitechapel Gallery ne ospita la prima antologica britannica, con circa cento opere di tutta la sua carriera. Si spazia da disegni d’infanzia, a fotografie, opere tessili, sculture, installazioni e nuovi dipinti figurativi allestiti come set e mise-en-scène teatrali.

La retrospettiva è concepita dall’artista come un tributo a Bernard Leach, il padre della ceramica inglese moderna cui è dedicata una sala.

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 411, ottobre 2020



GDA Abbonamenti 2020




GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012