Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Le installazioni video di Akomfrah al Baltic Centre

Temi principali: l'inquinamento, il riscaldamento globale, il precariato e il jazz

John Akomfrah, «Precarity», 2017. © Smoking Dogs Films; Courtesy Lisson Gallery

Gateshead (Gran Bretagna). Tra i filmmaker contemporanei più brillanti della scena artistica e cinematografica britannica John Akomfrah, classe 1957, sta cavalcando l’onda di un successo internazionale. A seguito dell’antologica al New Museum di New York nel 2018 e della partecipazione al Padiglione del Ghana nell’attuale edizione della Biennale di Venezia (padiglione definito da Akomfrah «esemplare unico e carismatico in un mare di “whiteness”», in riferimento alla prevalenza di artisti bianchi e occidentali nella rassegna veneziana), ora tocca al Baltic Centre for Contemporary Art di Gateshead, alle porte di Newcastle, che dal 5 luglio al 27 ottobre ospita una nuova personale del filmmaker londinese.

La parabola della carriera di Akomfrah ha origine nei primi anni Ottanta, quando insieme a David Lawson e Lina Gopaul fonda a Londra il Black Audio Film Collective, in risposta alla rivolta di Brixton del 1981. Dalle produzioni per il collettivo, caratterizzate da montaggi sperimentali di filmati live e d’archivio, collage di suoni e interviste, il cui scopo era quello di offrire un puntuale ritratto della cultura nera nell’Inghilterra di Margaret Thatcher, negli anni Novanta Akomfrah comincia a realizzare film e video che affrontano temi quali l’eredità del colonialismo e la «black diaspora», non solo nel Regno Unito ma su scala globale.

In anni recenti, i lavori dell’artista si sono evoluti in ambiziose installazioni video a più canali, come «Purple» (2017), l’ipnotica produzione che riflette su inquinamento, estinzione e riscaldamento globale. «Ballasts of Memory», titolo della mostra al Baltic, include tre produzioni filmiche; tra queste, la première europea di «Precarity» (2017), che racconta la storia di Charles «Buddy» Bolden, cornettista afroamericano e figura chiave nell’evoluzione del genere jazz.

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 399, luglio 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012