Le immacolate visioni concettuali di Thomas Struth

Il Guggenheim Bilbao ripercorre 50 anni di carriera di uno dei fotografi europei più influenti del dopoguerra

«Mountain, Anaheim» (2013) di Thomas Struth. © Thomas Struth
Roberta Bosco |  | Bilbao

L’essere umano e le sue relazioni con la città e la natura, la famiglia e la società, l’arte, la cultura e le nuove tecnologie, sono i protagonisti delle immagini di uno dei fotografi europei più influenti del dopoguerra, Thomas Struth (Geldern, 1954), cui il Museo Guggenheim di Bilbao dedica un’ampia retrospettiva.

La mostra, aperta dal 2 ottobre al 19 gennaio, permette di ripercorrere tutto il percorso creativo di Struth, mettendo in relazione le intuizioni dei suoi inizi con le serie che l’hanno reso famoso come «Unconscious Places», «Family Portraits», «Museum Photographs», «New Pictures from Paradise», «Audience» e «This Place», che a loro volta stabiliscono un dialogo con le sue proposte più sperimentali e le opere recenti, tra cui «Nature & Politics», «Animals» e le foto di paesaggi e fiori realizzate per l’ospedale Lindberg di Winterthur. In tutte, indipendentemente dal
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Roberta Bosco
Altri articoli in MOSTRE