Le aste newyorkesi hanno nuove regole, non richieste

I tagli normativi del Comune, pensati per aiutare le imprese colpite dalla pandemia, sono stati introdotti senza preavviso. Le case d’asta affermano che non cambieranno le loro pratiche, ma la mossa potrebbe significare offerte e garanzie più opache

Il Consiglio comunale di New York ha emanato una serie di misure di deregolamentazione che potrebbero cambiare radicalmente il modo in cui le case d’asta grandi e piccole operano nel mercato dell’arte multimiliardario di New York.  © Kena Betancur-Getty Images
Daniel Grant |  | New York

Il Consiglio comunale di New York ha recentemente emanato una serie di misure di deregolamentazione che eliminano i regolamenti governativi, tra le altre attività, anche nel settore delle aste. Non si sa se questo aiuterà o confonderà i collezionisti, ma potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui le case dʼasta grandi e piccole fanno affari nel mercato dellʼarte multimiliardario di New York.

Queste misure di deregolamentazione includono lʼeliminazione dellʼobbligo di licenza comunale per le case d’asta, l’obbligo per la casa dʼaste di rendere note le garanzie sulle opere fornite dalla casa dʼaste o le «offerte irrevocabili» di terzi, e lʼobbligo di non fare offerte al di sopra del prezzo minimo o della riserva del venditore.

Le norme in vigore dagli anni Ottanta richiedevano anche che i contratti scritti con i venditori rivelassero tutte le commissioni e, a vantaggio degli acquirenti, che il venditore garantisse il titolo di proprietà allʼ«acquirente finale». Inoltre, le case dʼasta erano tenute a conservare per sei anni le registrazioni scritte delle aste, nel caso in cui sorgessero dubbi sull’attribuzione e sul titolo di proprietà.

Lʼazione del consiglio comunale, che non è stata richiesta o sollecitata dal settore delle aste, ha allarmato molti operatori del mondo dellʼarte, preoccupati che le regole del mercato delle aste siano state cambiate senza alcun preavviso.
«Il settore delle aste si basa sulla certezza, da parte di acquirenti e venditori, che le case dʼasta rispettino le regole, afferma Thomas C. Danziger, socio dello studio legale Dan-ziger, Danziger & Muro di Manhattan, specializzato in transazioni dʼasta. Senza regole, la gente potrebbe perdere la fiducia nellʼintegrità del mercato delle aste di New York».

Leila Amineddoleh, avvocato specializzato in arte a New York, descrive le azioni del consiglio comunale come «scioccanti». «Da anni si chiede una maggiore regolamentazione del mercato dellʼarte, non una minore, afferma l’avvocato. Se fossi un acquirente, vorrei sapere se una casa dʼaste è proprietaria di unʼopera. Questo non solo influisce sul lotto in vendita, ma potrebbe influire sul modo in cui la casa dʼaste commercializza altre opere durante la stessa vendita».

Lʼabrogazione di questi regolamenti è entrata in vigore il 10 aprile (a eccezione dellʼeliminazione dei requisiti di licenza per le case dʼasta, che entra in vigore a maggio) e ha lo scopo di aiutare una serie di piccole imprese che si ritiene siano state colpite negativamente dalla pandemia di Covid-19, tra cui sale giochi, lavanderie a gettoni e agenzie di noleggio auto. Non è chiaro perché le case dʼasta siano state incluse in questo gruppo. Le richieste di commenti da parte dei membri del consiglio comunale e del Dipartimento per gli Affari dei Consumatori di New York, che supervisiona il settore delle aste, non hanno ricevuto risposta.

Uno dei regolamenti ora scomparsi, una norma del Department of Consumer Aff airs entrata in vigore nel 1987, consentiva a una casa dʼaste di aumentare il prezzo di un lotto fino al prezzo di riserva, ovvero la somma non dichiarata al di sotto della quale il venditore non venderà il lotto. Tuttavia, la casa dʼaste era tenuta a rendere nota questa pratica. Una recente dichiarazione sulle condizioni di vendita di Sothebyʼs, ad esempio, recita: «Il banditore ha il diritto di fare offerte consecutive o di fare offerte in risposta ad altre offerte per conto del venditore fino alla riserva posta sul lotto, anche se il banditore non indicherà durante l’asta che sta facendo tali offerte per conto del venditore».

Dopo che le offerte hanno raggiunto il prezzo di riserva del lotto, la legge stabilisce che «il banditore non può fare offerte per conto del venditore». Senza questa protezione, le case dʼasta potrebbero annunciare offerte superiori alla riserva quando non sono state fatte offerte.
Altre pratiche che attualmente sono parzialmente rivelate, ma che potrebbero essere completamente tenute nascoste, sono le garanzie (un accordo tra la casa dʼaste e il venditore che promette che, se un oggetto non viene venduto per almeno una somma minima prestabilita, la casa dʼaste stessa o una terza parte acquisterà lʼoggetto) e le commissioni o gli sconti offerti a determinati garanti se il prezzo di vendita finale supera lʼimporto garantito. Attualmente, queste azioni sono rese note agli offerenti nei cataloghi di vendita.

Relazioni in evoluzione
John R. Cahill, avvocato specializzato in arte, ipotizza che la preoccupazione di acquirenti e venditori allʼasta sarà se le clausole dei termini e delle condizioni, che descrivono il rapporto contrattuale tra lʼazienda e i suoi clienti, saranno probabilmente modificate e, in tal caso, se saranno modificate in modo diverso per ogni vendita. «Sarà interessante vedere se ciò che ha fatto la città di New York si diffonderà in altre città», afferma.

Un portavoce di Christieʼs New York afferma che tali preoccupazioni non saranno probabilmente confermate. «Christieʼs si attiene ai più alti standard etici, afferma il portavoce. Non abbiamo chiesto di modificare i regolamenti e continuiamo a operare come abbiamo fatto finora».

Almeno nellʼimmediato futuro, le case dʼasta continueranno a operare nello stesso modo, secondo Michael McCullough, socio dello studio legale Pearlstein & McCullough di Manhattan, che osserva che le leggi generali sulla protezione dei consumatori proteggeranno acquirenti e venditori. «Il processo di offerta e il modo in cui una casa dʼaste conduce una vendita sono stati standardizzati, afferma McCullough. Non credo che questo cambierà».

Tuttavia, aggiunge McCullough, «cʼè un ambito nel quale anche le vecchie regole si sono rivelate insufficienti: la divulgazione dellʼinteresse finanziario di una casa dʼaste nella vendita di un oggetto. La fascia più alta del mercato delle aste si basa su garanzie da parte delle case dʼasta, coperte da investitori. Aspettatevi che lʼuso creativo delle garanzie continui, e non aspettatevi una maggiore trasparenza in questi accordi finanziari».

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Daniel Grant