La vie en Rose

Le origini della prima Galleria comunale bolognese

Stefano Luppi |  | Bologna

Impegnato in un’attenta riflessione sulle origini della Galleria d’arte moderna di Bologna, il MAMbo, l’organismo erede di quel museo, propone fino al 31 ottobre «Villa delle Rose 1936», a cura di Uliana Zanetti e Barbara Secci, supportate dagli studi in catalogo di Anna Maria Matteucci Armandi Avogli Trotti, Manuela Rubbini ed Elena Pirazzoli. La mostra ricostruisce la storica rassegna organizzata ottant’anni fa dallo studioso Guido Zucchini che dispose nelle sale della comunale Villa delle Rose oltre 200 opere di 128 artisti allora quasi tutti viventi: era il patrimonio di cui all’epoca disponeva il Comune in quella sede.

L’appuntamento del MAMbo rievoca anche la donazione, avvenuta nel 1916, della stessa villa che cent’anni fa la contessa Nerina Armandi Avogli De Piccoli destinò a «una galleria d’arte moderna» come si legge nel testamento olografo. Nel 1925, l’edificio venne aperto
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi