La prima giornata VIP ad Art Basel Miami Beach

All’apertura della fiera, le vendite sono state rapide, anche se non ai prezzi altissimi degli anni passati

Il preferito della fiera, «Cracked Egg (Yellow)» (1994-2006) di Jeff Koons, nello stand di Gagosian a un prezzo non rivelato. Foto Liliana Mora
Carlie Porterfield e Tim Schneider |  | Miami

Una dimostrazione di resilienza da parte di tutto il mercato o un’esibizione collettiva di «fingering it until you make it» (fingi fino a quando non lo ottieni)? Questa è stata la domanda che aleggiava durante la prima giornata VIP di Art Basel a Miami Beach (mercoledì 6 dicembre). Anche se la risposta finale si saprà solo più tardi, i risultati delle prime ore della fiera hanno dato motivo di un misurato ottimismo. Nonostante la correzione del mercato che dura da quasi un anno e che ha rattristato molti operatori del settore, i corridoi del centro congressi erano in fermento poco dopo l’apertura delle porte. Chiunque non fosse stato a conoscenza del contesto di mercato più ampio avrebbe avuto difficoltà a percepire molta ansia. Tuttavia, è comune la sensazione che questa edizione della fiera si svolga in un ambiente più esigente rispetto all’edizione dell’anno scorso, quando le crepe nel settore cominciavano a manifestarsi.

«È un mercato un po’ più selettivo. Per noi non è una cosa negativa, perché abbiamo molte cose che sono davvero canonizzate», dice Nick Olney, presidente della galleria Kasmin. «Non puntiamo a spingere i mercati in una fascia molto calda, ma costruiamo per sultati sul lungo termine». Lo stand di Kasmin, più grande rispetto agli anni precedenti, presenta opere di un’ampia gamma di artisti, dagli istituzionali Alex Katz e Judith Bernstein agli artisti americani in ascesa Cynthia Daignault e Vanessa German. La galleria ha realizzato diverse vendite nelle ore di apertura, da 1,4 milioni di dollari per «Leigh» (2007) di Katz a 50mila dollari per «The tree surgeon» (2023) della 31enne Sara Anstis.

Diversi altri protagonisti del settore sono stati premiati per aver resistito, anche se non ai livelli di mercato. Thaddaeus Ropac ha piazzato tre opere a sette cifre entro il primo pomeriggio di mercoledì, un risultato particolarmente degno di nota se si considera che la galleria si rifiuta da tempo di prevendere i pezzi destinati ai suoi stand. «Copperhead-Bite IX / ROCI CHILE» (1985) di Robert Rauschenberg ha raggiunto 1,7 milioni di dollari, mentre «Alles fällt vom Tisch» (2020) e «Grüße aus Dinard» (2023) di Georg Baselitz sono state vendute rispettivamente a 1,5 e 1,2 milioni di euro.

La Gladstone Gallery ha piazzato opere per 2,2 milioni di dollari nelle prime due ore della fiera: un paio di opere su carta di Keith Haring per 950mila e 650mila dollari, il dipinto «Machine» (2023) di Amy Sillman per 450mila dollari e un’opera senza titolo in acrilico su stampa d’archivio di Arthur Jafa per 150mila dollari. Anche Pace Gallery ha concluso diversi affari per cifre a sei zeri, tra cui «Plus Equals Minus» di Isamu Noguchi (1945-79 circa) per 450mila dollari, un dipinto della serie «Bodyscape» dell’artista coreano Lee Kun-Yong per 250mila dollari e diverse edizioni della scultura in bronzo «QT» di Lynda Benglis del 2023 per oltre 200mila dollari ciascuna.

Lehmann Maupin ha ottenuto risultati analoghi sia con gli artisti internazionali che con gli acquirenti. «Dark Earth (Reservoir)» di Teresita Fernández, un’opera a parete del 2023, è stata aggiudicata a importanti collezionisti privati europei per una cifra compresa tra 375mila e 425mila dollari. «Perdu CLXXXVII» (2023) di Lee Bul è destinato a una collezione di Hong Kong per un prezzo compreso tra 250mila e 300mila dollari. La galleria ha anche piazzato un pezzo del duo brasiliano OSGEMEOS, esposto nel settore Kabinett della fiera, per 250mila dollari a collezionisti statunitensi.

La domanda durante l’inaugurazione è andata oltre i nomi canonici, con opere di alcuni giovani artisti che hanno spopolato tra gli stand. Anche Perrotin, che ha diviso il suo grande stand tra una presentazione personale di nuovi dipinti dell’artista californiana in rapida ascesa Emma Webster e una presentazione collettiva di altri artisti della galleria, ha riscontrato un rapido successo. Tutti gli otto dipinti di Webster, che raffigurano paesaggi apocalittici indotti dal cambiamento climatico e adattati ai modelli digitali dell’artista, sono stati piazzati nel primo pomeriggio, a prezzi compresi tra 80mila e 175mila dollari ciascuno. La galleria ha trovato acquirenti anche per le opere di Jason Boyd Kinsella, Alex Gardner e Xiyao Wang, a prezzi compresi tra 65mila e 115mila dollari, oltre che per una tela di Emily Mae Smith (prezzo 200mila-300mila dollari).

Al di là delle vendite, l’esposizione fornita da una mega-fiera come Art Basel a Miami Beach rimane insostituibile per i mercanti di dimensioni modeste. «È un luogo fondamentale per noi in termini di sviluppo del nostro programma e della nostra base di collezionisti», afferma Omayra Alvarado-Jensen, direttrice esecutiva della galleria Instituto de Visión, con sede a Bogotà e a New York, che vende opere di donne artiste latino-americane tra i 5mila e i 60mila dollari. «È un mercato più ristretto», ha detto un consulente di New York all’inizio della giornata di anteprima. «I mercanti che vanno sul sicuro annoiano tutti. Quelli che sono disposti a dire: “Questo è il mio occhio, questa è la mia visione”, fanno davvero bene».

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Carlie Porterfield e Tim Schneider