Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

La pazienza delle donne

Il genere femminile nell'arte del XX secolo in una mostra a cura di Monica Cardarelli

Un autoritratto di Marisa Mori (particolare)

Firenze. Dal 1968 a Parigi e in altre città la performer francese Orlan impiega una propria unità di misura, l’«orlan-corps», per valutare la lunghezza delle strade che percorre camminando carponi. Scopre così che le vie più importanti e centrali sono prerogativa degli uomini famosi. Orlan è un’esponente della Body art, movimento che riunisce al suo interno numerose artiste e «sdogana» la creatività femminile, fino ad allora ritenuta una «virtù» esclusivamente maschile.

È dunque un invito a riflettere su questi temi la mostra curata da Monica Cardarelli della galleria romana Laocoonte, che dal 16 settembre al 2 ottobre, in concomitanza con la Biennale Internazionale di Antiquariato, occupa uno spazio in piazza San Felice 10r, nei pressi di Palazzo Pitti. «XX il genere femminile nell’arte del ’900 italiano» è presentata in catalogo da Cecilia Del Re, assessora del Comune di Firenze, e introdotta dagli scritti di Barbara Alberti e di Marco Fabio Apolloni.

Un centinaio le opere esposte, eseguite tra la fine dell’Ottocento e la seconda metà del Novecento, sempre di matrice figurativa; molte di mano di artisti, da Adolfo De Carolis a Enrico Prampolini, meno di artiste. «Disegnate, dipinte, modellate o scolpite tutte hanno posato, pazienti e immobili, spiega con divertita ironia la Cardarelli. Pazienti, secondo l’etimologia originaria, sono coloro che patiscono, che sopportano la sofferenza con calma e compostezza, con pazienza appunto».

Spiccano un trittico di Giulio Aristide Sartorio, «Le Vergini Savie e delle Vergini Stolte» (1891), nel quale la moglie di D’Annunzio è ritratta con altre dame in un’ideale immagine di donna angelicata; un impudente bronzo di Libero Andreotti, «Donna con levriero» (1908), mostra un cane così irruento nelle feste alla padrona, da farle scivolare il vestito e svelare la sua nudità.

Tra le artiste si notano Adriana Bisi Fabbri, cugina di Boccioni, autrice di un «Autoritratto rosa shocking», Marisa Mori, allieva di Casorati e poi futurista, con un luminoso bozzetto, «Donna che legge in riva al mare», e Margherita Vanarelli, che compone un collage polimaterico celebrante una moderna casalinga che non riesce ancora a sottrarsi a un destino sociale di marginalità.

Francesca Romana Morelli, da Il Giornale dell'Arte numero 400, settembre 2019


GDA aprile 2020

Vernissage aprile 2020

Il Giornale delle Mostre online aprile 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012