Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Istanbul: nuove scoperte sulla sponda asiatica

Sotto la stazione di Haydarapasa sono emerse vestigia ottomane, bizantine, romane e forse greche

Gli scavi iniziati l’11 maggio nell’area delle piattaforme ferroviarie della stazione di Haydarapasa

Istanbul. Il sottosuolo di Istanbul continua a regalare inaspettate sorprese. Dopo il porto romano di Teodosio con 37 relitti e gli insediamenti neolitici di Yenikapı e Besiktas, rinvenuti durante i lavori per la costruzione della metropolitana, stavolta è la sponda asiatica della città ad aver attirato le attenzioni degli archeologi.

È bastato smantellare i binari della stazione di Haydarapasa, già icona dell'Orient Express verso Baghdad e destinata ad accogliere l'alta velocità, per riportare alla luce strati ottomani e poi in sequenza bizantini, romani e forse greci. È quella l’antica Calcedonia, la prima colonia megarese sul Bosforo? Gli scavi sono iniziati l’11 maggio nell’area delle piattaforme ferroviarie e si sono ormai estesi con saggi su un’area di 300 ettari in epoca contemporanea mai urbanizzata.

Al momento ci sono solo ipotesi nell’identificazione dei ritrovamenti, tra cui i probabili resti di una residenza estiva degli imperatori di Bisanzio, una coeva fontana incredibilmente ancora funzionante con acqua potabile, tombe di un millennio fa, circa 2mila monete d’oro e d’argento (soprattutto del VI e del VII secolo), il podio di un tempio reputato di età ellenistica.

Sono comparse anche delle possenti strutture murarie in ottimo stato di conservazione e lunghe circa 100 metri, già individuate e descritte a fine ’800 ma poi dimenticate. Gli esperti sono divisi: sono le mura di difesa di Calcedonia (o di un insediamento romano successivo), oppure i frangiflutti del porto? Solo il proseguimento delle ricerche potrà dare risposte definitive.

Giuseppe Mancini, da Il Giornale dell'Arte numero 392, dicembre 2018


Ricerca


GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012