Istanbul: nuove scoperte sulla sponda asiatica

Sotto la stazione di Haydarapasa sono emerse vestigia ottomane, bizantine, romane e forse greche

Gli scavi iniziati l’11 maggio nell’area delle piattaforme ferroviarie della stazione di Haydarapasa
Giuseppe Mancini |  | Istanbul

Il sottosuolo di Istanbul continua a regalare inaspettate sorprese. Dopo il porto romano di Teodosio con 37 relitti e gli insediamenti neolitici di Yenikapı e Besiktas, rinvenuti durante i lavori per la costruzione della metropolitana, stavolta è la sponda asiatica della città ad aver attirato le attenzioni degli archeologi.

È bastato smantellare i binari della stazione di Haydarapasa, già icona dell'Orient Express verso Baghdad e destinata ad accogliere l'alta velocità, per riportare alla luce strati ottomani e poi in sequenza bizantini, romani e forse greci. È quella l’antica Calcedonia, la prima colonia megarese sul Bosforo? Gli scavi sono iniziati l’11 maggio nell’area delle piattaforme ferroviarie e si sono ormai estesi con saggi su un’area di 300 ettari in epoca contemporanea mai urbanizzata.

Al momento ci sono solo ipotesi nell’identificazione dei ritrovamenti, tra cui i probabili
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giuseppe Mancini