In Riva al lago

In mostra alla Pinacoteca cantonale le collezioni private dell'alta aristocrazia luganese del Sette e Ottocento

Francesco Hayez, «Il conte Giovanni Battista Morosini», 1985 (particolare)
Ada Masoero |  | Rancate

La Pinacoteca cantonale Giovanni Züst presenta fino al 24 maggio «Dentro i palazzi. Uno sguardo sul collezionismo privato nella Lugano del Sette e Ottocento: le quadrerie Riva», un percorso attraverso la storia dell’arte e della (migliore) società luganese curato da Edoardo Agustoni e Lucia Pedrini Stanga.

Oltre 70 i dipinti giunti dalle residenze dell’aristocratica famiglia dei Riva, cui si aggiungono argenti, arredi, miniature, libri, documenti, in una ricostruzione di alcuni ambienti dei palazzi urbani e delle ville di campagna dei tre rami (conti, marchesi, nobili) del casato: tutti appassionati collezionisti (e committenti, nel ’700, di Giuseppe Antonio Petrini), nel tempo i Riva riunirono opere di Carlo I. Carloni, Gian Francesco Cipper (Il Todeschini), Hayez, Migliara, dei milanesi Bisi, e di altri artisti attivi tra ’700 e ’800.

A queste opere si aggiungono i ritratti dei governatori (landfogti) della prefettura di Lugano, giunti dai Cantoni a Nord delle Alpi, e di alcune opere appartenute ad altre illustri famiglie con cui i Riva erano imparentati o in rapporti di stretta consuetudine.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)