ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Il momento magico di Bruno Gironcoli

Alla Schirn Kunsthalle sei sculture realizzate tra la fine degli anni Ottanta e i primissimi anni 2000

Un particolare di «Untitled», 2001, di Bruno Gironcoli, Herberstein, Gironcoli Museum. © the Estate Bruno Gironcoli, Foto: Hans Christian Krassr

Francoforte (Germania). È un momento d’oro per l’opera di Bruno Gironcoli (1936-2010). Dopo la retrospettiva al museo d’arte contemporanea Mumok di Vienna nel 2018, le sculture postsurrealiste dell’artista austriaco vivono una vera e propria rinascita a livello internazionale.

Dal 14 febbraio al 12 maggio, la Schirn Kunsthalle di Francoforte presenta una mostra dedicata agli oggetti inclassificabili di Gironcoli, per i quali si sono azzardate definizioni quali «prototipi di una nuova specie» e «giocattoli giganti». Composta da sei sculture monumentali, la mostra si concentra sulle opere tarde, realizzate tra la fine degli anni Ottanta e i primissimi anni 2000. 

Nato nella cittadina alpina di Villach, Bruno Gironcoli inizia la propria carriera come orafo e applica la sua conoscenza della materia alla scultura a partire dagli anni Sessanta.  La ricerca di una forma aliena è all’origine degli oggetti biomeccanici di Gironcoli: realizzate principalmente in ferro e in rame successivamente ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Bianca Bozzeda, da Il Giornale dell'Arte numero 394, febbraio 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012