Il massacro delle Eolie

Spiagge sparite (compresa quella di «Il Postino» con Troisi) mentre si costruisce un porto inutile. Bocciato anche dall’Unesco

Il litorale dell'isola di Salina come appare oggi
Tina Lepri |  | Salina (Me)

La splendida spiaggia di Pollara nel Comune di Malfa a Salina, nelle Isole Eolie, resa famosa 25 anni fa dal film «Il Postino» con Massimo Troisi, non esiste più e il costone roccioso che incornicia la sua baia sta crollando. La sabbia dorata è stata portata via dalle onde e dalle correnti, non più protetta dalla barriera naturale della folta prateria subacquea di posidonia, fondamentale per l’ecosistema.

Sotto accusa per la distruzione sono le centinaia di barche di ogni dimensione che dovrebbero restare ad almeno 200 metri dalla battigia e, invece, si affollano senza controlli verso riva nonostante i divieti: sono tra le cause maggiori del degrado di coste e arenili, non solo nelle Eolie. Da anni a Pollara è anche proibito fare il bagno perché le alte falesie stanno cedendo ed è a rischio non solo la vita dei turisti in mare ma anche la sicurezza degli abitanti di Malfa, in cima alla costiera a
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Tina Lepri
Altri articoli in LUOGHI