Il ’900 esce dai caveau

Dialoghi inediti alla Fondazione Cariverona Verona

«Trittico della libertà» (1950) di Emilio VEdova
Camilla Bertoni |  | Verona

Mettere in dialogo il gesso, raro, «Nudo seduto» (1949) di Alberto Viani con il «Trittico della libertà» (1950) di Emilio Vedova e con l’olio su tela di Marino Marini «Il guerriero» (1959), e poi ancora Afro («La scheggia», 1956), Santomaso («Racconto», 1961), Birolli («Incendio alle Cinque Terre», 1959), Tancredi («Materia-luce», 1959) con l’imponente tela di Vedova del 1960 dedicata ai fatti di Varsavia: questo si propone la mostra «Un nuovo gesto, una nuova materia», a cura di Luca Massimo Barbero.

Si tratta di una selezione di 15 opere datate dal 1945 al ’61 dalla collezione della Fondazione Cariverona che con questa rassegna inaugura un progetto di condivisione che parte dal restauro della sala a piano terra della storica sede di Palazzo Pellegrini in via Forti 3.

La mostra, allestita negli spazi rinnovati, dov’è visitabile dal 13 ottobre al 9 dicembre (il sabato e la domenica
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Camilla Bertoni
Altri articoli in MOSTRE