Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Il 1958 da Mazzoleni

Fu un anno determinante per Fontana (i nuovi tagli), Baj e Manzoni (i primi «Achrome»)

Manzoni, «Achrome», 1960. Courtesy Mazzoleni London Torino

Il 1958 è un anno cruciale per tre fra i più grandi artisti del Novecento italiano: Lucio Fontana, Enrico Baj e Piero Manzoni. Per la prima volta espongono insieme, in due occasioni, a Bergamo e a Bologna. Il critico e filosofo Luciano Anceschi sottolinea la portata rivoluzionaria di tre linguaggi che stravolgono lo spazio e l’idea di pittura.

Una contingenza ripercorsa dalla mostra curata da Gaspare Luigi Marcone per la galleria Mazzoleni di Torino (dal 16 ottobre al 19 dicembre). Fulcro del percorso è appunto il 1958: l’anno dei primi «Achrome» di Manzoni, dei nuovi tagli di Fontana (presentati alla Biennale di Venezia) e del terzo numero de «Il Gesto» (con copertina di Fontana), il periodico del Movimento Arte Nucleare fondato da Baj e Dangelo.

In mostra si va dalle manipolazioni e perforazioni di superfici di Fontana, come la tela «Concetto Spaziale. Barocco» del 1956, ai dipinti e collage di Baj, tra cui «Testa Montagna» del 1958 e una «Peinture nucléaire» del 1952 dove s’intravede in germe una delle figure grottesche successivamente elaborate. E ci sono poi le prime superfici monocromatiche, o quasi, realizzate da Manzoni e un «Achrome» in tela cucita del 1960. Completano la mostra opere della collezione della galleria, realizzate da artisti italiani tra gli anni Cinquanta e Settanta.

Jenny Dogliani, da Il Giornale dell'Arte numero 411, ottobre 2020



GDA Abbonamenti 2020




GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012