I palazzi assiri nella Getty Villa

La maestria degli artisti assiri e la loro influenza sulla produzione delle regioni circostanti

Uno dei 15 bassorilievi in calcare o gesso, in origine dipinti, che decoravano le pareti dei palazzi reali assiri. © The Trustees of the British Museum
Giuseppe Mancini |  | Malibu

In attesa della grande mostra, in collaborazione col Louvre, sulle civiltà della Terra tra i due fiumi che aprirà a marzo, la Getty Villa presenta un prologo: 15 spettacolari bassorilievi in calcare o gesso, in origine dipinti, che decoravano le pareti dei palazzi reali assiri costruiti tra il IX e il VII secolo a.C.

In prestito dal British Museum, rimarranno esposti dal 2 ottobre al 5 settembre 2022. Il direttore del Getty e curatore di «Assiria. Arte palatina dell’antico Iraq», Timothy Potts, ha spiegato a «Il Giornale dell’Arte» l’importanza della mostra nell’illustrare la maestria degli artisti assiri e la loro influenza sulla produzione delle regioni circostanti che dall’impero vennero conquistate, nell’«offrire un contesto più ampio e più comprensibile alle collezioni di arte classica del Getty» che ritrovano così le loro fonti di ispirazione.

I rilievi sono collocati in una nuova
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giuseppe Mancini