I magnifici sette italiani di Parigi

Massimo Campigli, (Le educande (Passeggiata delle educande) 1929-30 MART
Stefano Luppi |

Bologna. Nel gruppo degli «Italiens de Paris», comprendente Giorgio de Chirico, Alberto Savinio, Filippo De Pisis, Gino Severini, Massimo Campigli e Mario Tozzi, Renato Paresce (1886-1937), scienziato e giornalista, era senz’altro la figura meno nota. Paresce poi si dedicò alla pittura, e divenne «René» pur mantenendo caratteri del tutto particolari in parte dettati dai natali (era figlio di un avvocato-editore socialista e di una nobildonna russa esule e amica di Trotzky) e in parte dal suo girovagare tra Parigi, Londra, America.

Tutto ciò è raccontato nel libro Lo scrittore che dipinse l’atomo. Vita di René Paresce da Palermo a Parigi (Sellerio, Palermo 2005, 108 pp.) di Rachele Ferrario, responsabile anche del suo catalogo generale (Skira, Milano 2012) e autrice di Les Italiens. Sette artisti alla conquista di Parigi (170 pp., Utet, Milano 2017, € 18,00). L’autrice, storica
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi