I capricci veneti di Vittorio Cini

Veronica Rodenigo |  | Venezia

Palazzo Cini a San Vio, già dimora del conte Vittorio Cini, ha riaperto l’8 aprile ed è visitabile sino al 15 novembre. Grazie a una partnership tra Generali e Fondazione Cini, da tre anni a questa parte è possibile esplorarne spazi, collezioni e mostre.

Ubicato nel sestiere ribattezzato Dorsoduro museum mile, il Palazzo ospita al primo piano le collezioni del conte: opere toscane e ferraresi dal XIII al XVI secolo, porcellane e arredi. Raccolte spesso arricchite da singolari «ospiti»: fino al 13 giugno c’è la tela di Andrea Mantegna raffigurante l’evangelista Marco, concessa dallo Städel Museum di Francoforte sul Meno. I

l secondo piano è per le esposizioni temporanee. Ora è di scena un ulteriore nucleo collezionistico del conte Vittorio, composto di 30 opere d’arte veneta: soggetti sacri, ritrattistica, Capricci e scene di paesaggio dal Trecento a fine Settecento articolati in un percorso ideato
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo