Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Globale e Triumphale

El Anatsui alla Haus der Kunst

«Gravity and Grace» (2010) di El Anatsui. © Collezione dell’artista, Nsukka, Nigeria, Courtesy Jack Shainman Gallery, New York

Monaco di Baviera (Germania). Una mostra colossale, come annunciato dal titolo, di sculture e spazi sovradimensionati, in un matrimonio perfetto fra nuovo e preesistente, è «El Anatsui. Triumphale Größe» che dall’8 marzo al 28 luglio è ospitata alla Haus der Kunst, uno dei musei più grandiosi e insieme controversi della Germania.

Protagoniste sono le opere dell’artista ghanese (1944), forse il più famoso scultore africano del momento. L’intera ala Est dell’edificio è dedicata ai lavori di cinquant’anni di attività, il cui filo conduttore è costituito dalle dimensioni monumentali: dalle opere dell’ultimo ventennio coi tappi di bottiglia a corona esposte anche alla Biennale di Venezia, che gli conferì nel 2015 il Leone d’Oro alla carriera, si torna indietro alle sculture in legno e ai rilievi murali (anni ‘70-90), accanto alle ceramiche di fine anni Settanta, ai disegni, ai libri e alle stampe.

La Casa dell’Arte (Haus der Kunst) non poteva dare migliore accoglienza spaziale, e ideale, a un ospite che per contro fa di tutto per ricambiarne costruttivamente il dono: se da un lato Anatsui si è impegnato a creare delle nuove opere ad hoc per la sede espositiva bavarese (la più attesa delle quali è una esterna, sulla facciata Sud dell’edificio neoclassico) dall’altro non tradisce, giocando sapientemente col genius loci, i principi della propria arte, ispirata da una costante sperimentazione estetica e mossa da grande, colorata energia creativa.

Il suo lavoro è esemplare di una continua ricerca di modelli alternativi alla prassi artistica del momento, che sfidano alcuni fondamenti della modernità: quelli che chiama «autonomia artistica» e «purezza estetica a tutti i costi». Non è una rivendicazione di alterità africana rispetto all’Occidente privilegiato, né c’è la volontà di contrapporvisi; al contrario, è la convinzione che ovunque nel mondo possa sorgere l’Arte, in Ghana come a Monaco, e in qualsiasi momento, perché l’arte contemporanea è globale e in continua espansione.

Con parole sue: «L’arte può sorgere da qualsiasi situazione specifica. Perciò penso che gli artisti dovrebbero imparare a lavorare meglio con quello che l’ambiente di volta in volta offre loro». Dovrebbe essere l’ultima curatela a Monaco di un molto osteggiato Okwui Enwezor, che lascia ufficialmente la direzione della Haus der Kunst «per motivi di salute»: con questa il critico d’arte nigeriano è davvero riuscito a mettere a segno un colpo da maestro, nell’ex tempio hitleriano della «pura arte tedesca».

Francesca Petretto, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012