Ginevra regina di quadri

Stefano Luppi |  | Bologna

La rassegna «My way. A modo mio», aperta al MAMbo-Museo d’Arte Moderna fino al 28 maggio, ripercorre 44 anni di attività di una delle principali galleriste italiane, Ginevra Grigolo, fondatrice della Galleria Studio G7 di Bologna.


Un omaggio che mette insieme oltre 150 pezzi di decine di artisti trattati dalla Grigolo, disposti lungo un percorso non cronologico, ma legato al gusto della protagonista. Tra le altre sono esposte opere di Gregorio Botta, Mirta Carroli, Mario Ceroli, Omar Galliani, Marco Gastini, Franco Guerzoni, Sol LeWitt, Roy Lichtenstein, Giulio Paolini, Michelangelo Pistoletto, Anne e Patrick Poirier, Robert Rauschenberg, Andy Warhol e David Tremlett con un nuovo wall drawing e Marina Abramovic che presenta un video inedito.


Ginevra Grigolo, come ricorda gli inizi della sua attività?
Cominciai dal nulla con una mostra dedicata a Pistoletto e ai suoi specchi d’acciaio. Siamo partiti
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi