Fuori dal Ghetto, dentro il Museo

Veronica Rodenigo |  | Venezia

Un’istituzione racconta la storia degli ebrei veneziani

Una tappa necessaria per approfondire la storia del Ghetto veneziano, di cui ricorre il cinquecentenario della fondazione (1516-2016), è la visita al Museo Ebraico, non solo testimonianza ma anche parte integrante della comunità ebraica di Venezia.

Tutto ciò che vi è conservato, infatti, non è frutto di una collezione acquistata nel tempo, come avviene per la maggior parte dei musei del mondo, ma esclusivamente di donazioni dei membri della comunità o come si diceva in antico dell’Università degli ebrei. Sono oggetti portati con sé dai luoghi d’origine o fatti forgiare per le sinagoghe veneziane.

Nel Museo si possono ammirare importanti esempi di manifattura orafa e tessile databili tra il XVI e il XIX secolo, testimonianza della viva tradizione ebraica, un’ampia selezione di libri e manoscritti antichi e oggetti legati a particolari momenti della
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo