CONTINENTE ITALIA | La mappa di Antonio Grulli

Collezionisti, critici, curatori, direttori di museo ridefiniscono i confini di un paesaggio molto più vasto di quello spesso soffocato da alcuni meccanismi del sistema dell’arte | 25

Antonio Grulli |

Marco Cingolani (Como 1961), Francesco De Grandi (Palermo 1968) e Andrea Renzini (Venezia 1963): tre grandi artisti e al tempo stesso tre maestri, nel senso classico del termine, i cui frutti negli ultimi anni stanno sbocciando in giro per l’Italia. E questi tre artisti sono a mio parere tra i più influenti oggi in Italia; li vedo come figure che continuamente portano acqua a un terreno (il terreno che state cercando, come testata, di mappare), se ne prendono cura, potano le piante in modo che l’ecosistema sia fertile.

Marco Cingolani è pittore abile e sofisticato, dalla tavolozza libera da sensi di colpa, squillante, a prevalenza rossastra. È il classico pittore solo all’apparenza piacevole ma in realtà difficilissimo, sia per i gusti del pubblico, sia per gli occhi della critica. La sua pittura si compone di forme filamentose e gassose che sembrano cadere e espandersi all’interno della tela, instabili tra figurazione e astrazione. I titoli aprono a soggetti fortemente narrativi, spesso legati alla cronaca e alla storia.

Come maestro è riuscito a svecchiare il panorama italiano, crescendo un folto gruppo di giovani artisti molto bravi passati dalle sue aule di Torino e Milano, i quali hanno introiettato per davvero il modo in cui si lavora a livello internazionale, facendo pulizia di quel provincialismo d’accatto italiano fatto di uno strano globalismo artistico che esiste quasi solo entro i nostri confini. Un giorno andrebbe scritta la storia di come sia stato compagno di strada fondamentale per alcune delle gallerie con cui ha lavorato.

Anche Francesco De Grandi dipinge, e credo non sia un caso: la pittura è probabilmente il collettore attorno al quale l’arte di oggi riesce a trovare una nuova linfa, su un piano non solo italiano. Francesco realizza dei dipinti apocalittici, fuori dal tempo, direi quasi nicciani. Il modo in cui dipinge, così come i suoi soggetti, è un  continuo “perché no?” rivolto ai luoghi comuni e alle forme retoriche, ormai calcificatesi, dell’arte contemporanea; è l’unica strada  attraverso la quale raggiungere innovazione e progresso, e i giovani di tutta Italia che lo riconoscono come un riferimento imprescindibile lo sentono sotto la loro pelle.

Le sue sono opere al di là del bene e del male, poetiche e allegoriche, in grado di parlare non solo agli addetti ai lavori. Al tempo stesso sono dipinti pieni di mistero e indecifrabilità: una pittura per tutti e per nessuno. De Grandi ha fatto parte di quel fenomeno miracoloso chiamato “Scuola di Palermo” ed è riuscito a creare una nuova giovane scena palermitana, grazie al suo insegnamento in accademia ma non solo.

Infine Andrea Renzini, figura quanto mai anomala e per questo ancora più preziosa in un panorama italiano sempre incapace di leggere e digerire le anomalie del sistema perché non abile a gestire la complessità, vista come potenziale problema e non come arricchimento. Il lavoro di Andrea spazia tra performance, disegni, fumetti, dipinti, abiti, musica, installazioni, sculture, fotografia: insomma ogni cosa possa comporre un’opera. Ma in realtà è la vita a essere al centro di tutto. È il vero erede, assieme a pochi altri, di quel fuoco da sempre al centro della scena bolognese.

Ha raccolto la fiamma alimentata da pensieri, forme, e atteggiamenti caduta dalle mani di Francesca Alinovi e propria del Dada zurighese, ovvero il versante Dada meno digeribile dal mercato e dal sistema, pieno di poesia, capacità provocatoria performativa e autodistruzione programmatica. Al tempo stesso incarna un filone di pensiero solitamente riconducibile a figure come Bifo, in cui la vita è percepita come possibilità di risplendere e non come mera sopravvivenza.

A Bologna (dove vive) molti giovani artisti nati negli anni ottanta e novanta guardano a lui come un riferimento, anche tra coloro che lavorano in maniera più classica. Ma la sua attualità è riscontrabile nella nuova scena milanese (probabilmente a contatto con le modalità lavorative di Renzini in maniera indiretta), in cui linguaggi come il fumetto, ad esempio, sono diventati centrali per la loro possibilità di approccio democratico.

L'autore è critico d'arte e curatore

CONTINENTE ITALIA
Una mappa dell'arte italiana nel 2021

0. La mappa degli esperti di Franco Fanelli
1. La mappa di Lorenzo Balbi
2. La mappa di Luca Massimo Barbero
3. La mappa di Freddy Battino
4. La mappa di Chiara Bertola
5. La mappa di Gemma de Angelis Testa
6. La mappa di Danilo Eccher
7. La mappa di Giuliano Gori
8. La mappa di Giulio di Gropello
9. La mappa di Giorgio Guglielmino
10. La mappa di Francesco Nucci
11. La mappa di Claudio e Maria Grazia Palmigiano
12. La mappa di Natalina Remotti
13. La mappa di Sergio Risaliti
14. La mappa di Stefano Sciarretta
15. La mappa di Vincenzo Trione
16. La mappa di Giorgio Verzotti
17. La mappa di Vincenzo De Bellis
18. I 135 artisti italiani su cui gli esperti scommettono
19. Rä di Martino
20. Sabrina Mezzaqui
21. Sissi
22. Giulia Cenci
23. Gianni Politi
24. Giovanni Ozzola
25. Alice Cattaneo
26. Salvatore Emblema
27. Claudio Costa
28. Stefano Arienti
29. Mario Airò
30. Chiara Camoni
31. Benni Bosetto
32. Artisti italiani, virtuosi non virtuali di Franco Fanelli
33. I Cercatori d'oro di Franco Fanelli
33. Arcangelo Sassolino
34. Gianfranco Baruchello
35. Simone Berti
36. Irma Blank
37. Monica Bonvicini
38. Ludovica Carbotta
39. Formafantasma
40. Martino Gamper
41. L'esplorazione continua (Franco Fanelli)
42. La mappa di Giorgio Spanu
43. La mappa di Laura Cherubini
44. La mappa di Alessandro Rabottini
45. La mappa di Andrea Bellini
46. La mappa di Lorenzo Bruni
47. La mappa di Bruno Corà
48. La mappa di Mauro De Iorio
49. La mappa di Antonio Grulli

© Riproduzione riservata
Altri articoli in OPINIONI