Come graffiava Agnetti

Giusi Diana |  | Catania

Presso la Fondazione Brodbeck è possibile visitare fino al 14 maggio la mostra «Vincenzo Agnetti. “Photo-Graffie” e “Dopo le grandi manovre 1979-1981”», curata da Giovanni Iovane in collaborazione con l’Archivio intitolato all’artista.

Il processo concettuale e poetico messo in atto da Agnetti (Milano 1926-81) è esemplificato nella serie delle «Photo-Graffie», esposte nella mostra catanese. Si tratta di pellicole fotografiche annerite dall’esposizione alla luce, su cui l’artista interveniva con graffi e colori, «recuperando» l’immagine occultata. La seconda parte dell’esposizione è costituita dalle 20 opere di «Dopo le grandi manovre (1979-81)».

Un vecchio album di fotografie giapponesi, successivamente acquerellato, è al centro del processo da cui si originano le opere su carta esposte in mostra, che utilizzano fotografia, scrittura, china, collage e pastello. A proposito di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giusi Diana