Baci da Seneca

Ada Masoero |  | Chiasso

Prosegue fino al 22 gennaio 2017, al m.a.x. museo, la mostra che rende omaggio, a 40 anni dalla morte, a Federico Seneca (Fano 1891-Casnate, Como, 1976), figura di primo piano della grafica pubblicitaria del XX secolo sinora poco nota, però, al grande pubblico. Ben conosciuti, ed entrati nell’immaginario collettivo, sono invece molti suoi lavori, poiché già nel primo dopoguerra Seneca creò l’immagine, tuttora in uso, dei «Baci Perugina», con la coppia allacciata, oltre ad aver ideato la grafica dei «cartigli», i bigliettini che continuano ad accompagnare ogni cioccolatino.

Dal 1925 Seneca progettò anche le campagne pubblicitarie della Buitoni, finché nel 1933, grazie alla notorietà conquistata con il Primo premio della «Mostra internazionale del manifesto» (Monaco di Baviera, 1929), non lasciò Perugia per Milano, dove aprì uno studio di grafica pubblicitaria, subito scelto da marchi come
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)