Aiutare gli specialisti siriani non significa sostenere Bashar al Assad

Victoria Stapley-Brown, Marie Zawisza |  | Damasco

Gli archeologi non trovano un accordo sull’aiuto da dare alla Siria per la tutela del suo patrimonio culturale, mentre iniziano nuovi negoziati per tentare di porre fine alla guerra in corso. Il disaccordo è emerso chiaramente nel corso di una conferenza tenutasi l’11 e il 12 dicembre a Damasco, a cui hanno partecipato esperti stranieri. Circa 12 specialisti internazionali hanno preso parte all’evento, organizzato dalla Direzione generale siriana delle Antichità e dei Musei (Dgam).

Tra di loro, Stefan Simon, direttore delle iniziative culturali globali per il patrimonio della Yale University. «Occorre distinguere tra il Governo e gli uffici nazionali per le antichità», ha dichiarato. Collaborare con enti come il Dgam è «un elemento chiave per la sostenibilità» nella lotta per la tutela del patrimonio culturale. «Penso che i colleghi che si occupano della tutela del patrimonio culturale negli
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata